Pari opportunità anche nel salvare una vita

«Anche una mamma, una sorella, un padre e una persona non vedente o ipovedente possono salvare una vita e ora potranno farlo ancora di più, grazie a questo nuovo software»: lo sottolineano dall’Associazione Salvagente Monza, che ha promosso per l’11 aprile a Rimini un evento tutto dedicato alla disostruzione pediatrica e neonatale, durante il quale verrà appunto presentato un nuovo software di guida alla rianimazione cardiopolmonare, per persone non vedenti e ipovedenti, dotato di un istruttore virtuale vocale

Addestramento alle manovre di disostruzione pediatrica

Addestramento alle manovre di disostruzione pediatrica

Verrà presentato sabato 11 aprile al 105 Stadium di Rimini, in anteprima europea, il nuovo software QCPR di guida alla rianimazione cardiopolmonare per persone non vedenti e ipovedenti, apparecchiatura della Società Laerdal, che grazie a un istruttore virtuale vocale insegnerà appunto tutte le manovre necessarie alle persone con disabilità visiva.
«Anche una mamma, una sorella, un padre e una persona non vedente o ipovedente – spiegano dall’Associazione Salvagente Monza, che ha organizzato l’evento di Rimini – possono salvare una vita e i passi fatti negli ultimi anni lo dimostrano. Tutti, infatti, possono imparare le manovre di disostruzione e quelle di rianimazione cardiopolmonare con l’uso del defibrillatore, a patto di avere gli strumenti adatti, come audiolibri e traduzioni di manuali in braille, defibrillatori monotasto (come quello creato da Cardiac Science) e ora il nuovo software QCPR di guida alla rianimazione cardiopolmonare. Una vera e propria rivoluzione che può concorrere ad abbattere quelle barriere culturali e mentali che troppo spesso contraddistinguono il nostro Paese».

L’iniziativa dell’11 aprile sulla riviera romagnola, durante la quale verrà presentata la nuova metodica, sarà tutta dedicata all’ampio tema della disostruzione pediatrica e neonatale, con la partecipazione di alcuni specialisti del settore – tra gli altri Marco Squicciarini, medico esperto in manovre di rianimazione pediatriche e formatore nazionale della Rete Salvamento Academy; Francesco Pastore, pediatra di famiglia, formatore nazionale BLSD (Basic Life Support Defribillation) e di Primo Soccorso Pediatrico, consigliere nazionale della SIMEUP (Società Italiana di Medicina Emnergenza Urgenza Pediatrica); Dario Gregori dell’Unità di Biostatistica, Epidemiologia e Sanità Pubblica nel Dipartimento di Scienze Cardiologiche, Toraciche e Vascolari dell’Università di Padova; Riccardo Ristori, medico specialista in Medicina d’Emergenza e direttore scientifico di Salvamento Academy – ma anche di noti personaggi del mondo dello spettacolo, scesi in campo per far sentire la propria voce in merito a un argomento tanto importante, quali Lorella Cuccarini, “madrina” dell’evento, Adriana Cantisani (la nota “Tata Adriana” del programma televisivo SOS Tata), l’intrattenitore Francesco Facchinetti e la chef Cristina Lunardini, che realizzerà dal vivo un “saggio di cucina” dedicato ai bambini.

L’Associazione Salvagente Monza è impegnata nel promuovere una costante attività sul territorio nazionale e internazionale, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del soffocamento e formare soggetti in grado di realizzare le principali manovre di disostruzione pediatrica e neonatale.
Nata nel centro brianzolo dall’idea di Mirko Damasco, Filippo Castelli e Silvia Riboldi, è una realtà attiva a livello nazionale e mondiale con due sedi (Monza e Rimini), che conta tra i propri Associati istruttori competenti appartenenti all’Associazione Salvamento Academy – di cui è centro di formazione – e, tra i numerosi sostenitori, rappresentanti del mondo sanitario e medicale.
Tra le altre attività, vi sono anche interventi di sensibilizzazione presso scuole, ospedali e aziende, l’attivazione di progetti a carattere nazionale e internazionale, la donazione di defibrillatori alla comunità e la continua formazione gratuita rivolta a privati cittadini. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Gloria Pulici (Tramite R.P. & Comunicazione), g.pulici@tramitecomunicazione.it.

Stampa questo articolo