L’assistenza socio-sanitaria, gli ausili e i farmaci

Il settore dell’assistenza socio-sanitaria – che costringe a pratiche complesse e faticose le persone con disabilità e le loro famiglie – la semplificazione delle procedure di rilascio degli ausili e dei farmaci, ma anche la lotta alle barriere architettoniche: saranno questi i principali settori di lavoro della “giovane” APN, l’Associazione Paratetraplegici Nordest presentata ufficialmente alla fine del 2014, e che nei giorni scorsi ha tenuto la sua prima Assemblea Sociale

5 dicembre 2014: presentazione ufficiale dell'APN (Associazione Paratetraplegici Nordest)

Foto di gruppo per la presentazione ufficiale dell’APN (Associazione Paratetraplegici Nordest), avvenuta il 5 dicembre dello scorso anno

Ne avevamo annunciato la nascita alla fine dello scorso anno, dopo la presentazione ufficiale cui aveva partecipato anche Vincenzo Falabella, presidente nazionale della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e presidente della FAIP (Federazione delle Associazioni Italiane Paratetraplegici).
Ora, a pochi mesi dalla costituzione, si è già tenuta nei giorni scorsi, presso la Sala Riunioni dell’Ospedale di Dolo (Venezia), la prima Assemblea dell’APN (Associazione Paratetraplegici Nordest), cui hanno partecipato numerosi iscritti provenienti dalle Province di Padova, Venezia, Vicenza, Rovigo e Treviso.

Durante l’incontro, oltre a rendere nota l’affiliazione sia alla FAIP che alla FISH, il presidente Giampiero Licinio ha presentato anche il ricco “menù” degli obiettivi futuri della nuova Associazione. «Innanzitutto – ha dichiarato – punteremo a “irrobustirci”. Guarderemo poi soprattutto alla questione dell’assistenza socio-sanitaria, che finora costringe a pratiche complesse e faticose per le persone con disabilità e le loro famiglie e diverse da una ASL all’altra del Veneto. A tal proposito intendiamo promuovere una semplificazione – e se possibile l’unificazione – delle procedure di rilascio degli ausili e dei farmaci, da un lato con la distribuzione gratuita degli ausili a domicilio, dall’altro con l’inserimento di medicinali finora a pagamento -ma in realtà indispensabili a garantire un livello minimo di dignità di vita – tra quelli gratuiti. Questi, in sostanza, saranno gli obiettivi che porteremo all’attenzione del Tavolo Tecnico sull’Incontinenza costituito in Regione, per contribuire fortemente alla loro realizzazione».
Dal canto loro, i Soci presenti hanno approvato le linee guida proposte da Licinio, aggiungendo tra le azioni da condurre anche la denuncia e l’abbattimento delle residue barriere architettoniche, specie negli uffici di pubblico interesse.

Numerosi i qualificati interventi che hanno animato l’incontro. Hanno infatti partecipato Elena Andretta del Reparto Urologico dell’Ospedale di Dolo – struttura che dà la sede all’Associazione e che ne è stata la promotrice -, Luisa Conti, presidente del Centro Servizi Volontariato di Venezia, Humberto Cerrel Bazo, direttore dell’Ospedale Riabilitativo di Motta di Livenza (Treviso), che ha garantito l’appoggio e la disponibilità del proprio Centro di Alta Specializzazione, Bertilla Ugolin, presidente regionale della FINCO (Federazione Italiana Incontinenti) e Ruggero Vilnai, presidente del CIP Veneto (comitato Italiano Paralimpico), oltreché Socio Fondatore della stessa APN.
Hanno infine personalmente garantito sensibilità politica ai temi “forti” dell’Associazione e della disabilità i candidati della Lista Moretti alle prossime elezioni regionali del Veneto (Teresa Morelli e Sandro Simionato), mentre hanno inviato i propri saluti, perché impossibilitati a partecipare, il presidente della Regione Luca Zaia e l’assessore alla Sanità Lucio Coletto. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: giampiero.licinio@gmail.com.

Stampa questo articolo