Per raccontare a tutti il nostro mondo “in ipovisione”

«Una raccolta di racconti e di poesie, ma anche di immagini e fotografie, per raccontare il nostro mondo “in ipovisione”, ovvero il mondo di una persona ipovedente, a una società che purtroppo non ne ha ancora compreso le difficoltà quotidiane»: sarà questo il prodotto finale del progetto denominato “Ti racconto il mio mondo”, lanciato da Retina Italia ONLUS, cui si può contribuire in forma “diretta”, tramite uno scritto o un’immagine, oppure con un sostegno economico

Occhio di donna«Questo progetto nasce dall’esigenza di far conoscere il mondo di una persona ipovedente, tramite un libro che sia anche ironico, ma mai superficiale, e che soprattutto ne racconti la vita a una società che purtroppo non ha ancora compreso le difficoltà che la condizione di disabilità visiva impone nella quotidianità».
Viene presentato così il bel progetto denominato Ti racconto il mio mondo, lanciato da Retina Italia ONLUS, organizzazione aderente alla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), nata per il sostegno e lo sviluppo della ricerca volta a individuare le cause, la cura e la prevenzione delle distrofie retiniche ereditarie, della retinite pigmentosa, delle degenerazioni maculari e di altre patologie che determinano ipovisione e cecità.

A lavori ultimati, dunque, Ti racconto il mio mondo dovrà essere, come spiegano ancora da Retina Italia, «una raccolta di racconti e di poesie, ma anche di immagini e fotografie, per raccontare il nostro mondo “in ipovisione”, un modo semplice per farci ricordare e far conoscere anche i nostri sogni, le nostre speranze e la nostra voglia di vivere».
Saranno due i modi con i quali tutti potranno sostenere l’iniziativa, in forma “diretta”, ovvero tramite scritti o immagini da inviare entro il 30 giugno prossimo, oppure, con un supporto economico al progetto, attraverso la piattaforma Rete del Dono. (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione e approfondimento: setsicilia15@retinaitalia.org.

Stampa questo articolo