Fumetti e bisogni educativi speciali

Il 15 maggio, all’interno del Salone Internazionale del Libro, una tavola rotonda intitolata Leggere tra le nuvole, dedicata a fumetti e bisogni educativi speciali, il giorno successivo, presso la propria sede di Torino, un workshop sulla creazione di fumetti tattili per bambini e ragazzi con disabilità visiva: sono queste le due prossime interessanti iniziative proposte nel capoluogo piemontese dall’Associazione Area

Realizzazione di un fumetto tattile da parte di una persona non vedente

Realizzazione di un fumetto tattile da parte di una persona non vedente

Tra le varie iniziative organizzate nei prossimi giorni, in corrispondenza del Salone Internazionale del Libro di Torino dall’Associazione Area – nata nel 1982 nel capoluogo piemontese, per sostenere bambini, adolescenti e giovani adulti con una disabilità complessa derivante da sindromi genetiche, neurologiche o da esiti di sofferenze perinatali – ne segnaliamo in particolare due, legate ai temi dell’editoria accessibile, in programma il 15 e 16 maggio.

Si tratta esattamente della tavola rotonda intitolata Leggere tra le nuvole, centrata sul rapporto tra fumetti e bisogni educativi speciali e prevista per venerdì 15, proprio all’interno del Salone del Libro (Sala Book del Bookstock, ore 18).
Vi parteciperanno Federico Appel e Della Passarelli della Cooperativa Editoriale Sinnos, Guido Del Duca di Landscape Books, Felicia Todisco e Chiara Di Palma della Fondazione Gualandi a favore dei sordi di Bologna e Dannyelle Valente della Casa Editrice francese Les Doigts Qui Rêvent, specializzata nella produzione di libri tattili illustrati.

Particolarmente interessante, poi, anche il workshop intitolato Tacti-paf: creare fumetti tattili per bambini e ragazzi, che si terrà invece sabato 16 presso la sede di Area (Corso Regina Margherita, 55, ore 10-12.30) e sarà condotto dalla citata Dannyelle Valente.
Qui, a partire dai contenuti del cofanetto Tacti-paf, messo a punto dalla Casa Editrice Les Doigts Qui Rêvent, per lavorare sul fumetto con i ragazzi non vedenti, i partecipanti verranno condotti alla scoperta di libri e immagini tutti da toccare. Attraverso infatti dispositivi sensoriali, giochi onomatopeici, tavole e figurine tattili, sarà possibile creare storie a fumetto con tanto di inquadrature, personaggi, movimenti e suoni, imperdibile occasione per insegnanti, educatori, operatori socio-sanitari e in generale per tutte le persone adulte interessate al mondo della creatività e della produzione tattile accessibile. (S.B.)

Ringraziamo Chiara Gorzegno per la segnalazione.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: vnslab@areato.org.

Stampa questo articolo