Primi in sicurezza

Si chiama così il concorso per le scuole, promosso dall’ANMIL e dalla rivista «Okay!», la cui tredicesima edizione sta per vivere il suo momento conclusivo. «Per combattere un fenomeno che provoca circa 3 morti al giorno, oltre 2.000 infortuni e 40.000 invalidi permanenti ogni anno – sottolinea il Presidente dell’ANMIL – puntiamo molto a stimolare l’entusiasmo dei giovani affinché, domani, diventino lavoratori o imprenditori responsabili, mettendo la prevenzione tra i valori intangibili»

Logo del Concorso "Primi in sicurezza"L’ANMIL (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro) offre supporto e assistenza ai suoi oltre 400.000 iscritti, attraverso le sue 500 sedi, promuovendo al tempo stesso, con varie iniziative, la prevenzione degli infortuni in àmbito lavorativo, per combattere un fenomeno che provoca circa 3 morti al giorno, oltre 2.000 infortuni e 40.000 invalidi permanenti ogni anno, senza contare la vera e propria “strage silenziosa” legata alle malattie professionali.
«I dati dell’INAIL – sottolinea a tal proposito il presidente dell’Associazione Franco Bettoni, che presiede anche la FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali di Persone con Disabiòlità) – rivelano che il lavoro minorile ha provocato nel 2013 oltre 6.100 infortuni, mentre nelle scuole gli incidenti riguardanti gli studenti sono stati, sempre nello stesso anno, 88.530; sono cifre, queste, che giustificherebbero maggiori investimenti perché il valore della prevenzione non può essere sottovalutato ed è tra i banchi di scuola, quando inizia la più grande formazione, che si deve far comprendere quanto sia importante, soprattutto per evitare di farne le spese sulla propria pelle. Per questo puntiamo molto a stimolare l’entusiasmo dei giovani affinché, domani, diventino lavoratori o imprenditori responsabili che mettano la prevenzione tra i valori intangibili e, con tutti i partecipanti a questo nostro concorso sappiamo di avere nuovi alleati in questa lotta. È su di loro, infatti, che punteremo per proseguire la nostra campagna per la prevenzione degli infortuni».

Il concorso cui si riferisce Bettoni è Primi in sicurezza, iniziativa giunta alla sua tredicesima edizione e dedicata quest’anno al tema Tutti in RAP (Ridurre Anzi Prevenire). Si è rivolto come sempre alle scuole e a promuoverlo, insieme all’ANMIL, è stato il mensile «Okay!», rivista per la scuola diretta da Roberto Alborghetti.
Il momento conclusivo è in programma oggi, 4 giugno, presso la “Nuova Aula” del Palazzo dei Gruppi Parlamentari della camera dei Deputati di Roma, ed è prevista la presenza di quasi 300 studenti (dalle scuole elementari alle superiori), dirigenti scolastici, docenti e genitori, provenienti da tutta Italia, insieme a numerose autorità.
Ospite quanto mai appropriato per premiare i vincitori di un’edizione chiamata Tutti in RAP – scelta voluta per invitare i ragazzi a cimentarsi anche con proposte originali su un genere musicale oggi sempre più amato dai giovani – sarà il rapper Skuba Libre, finalista dell’edizione 2015 del programma televisivo di Sky Italia’s Got Talent.
La premiazione stessa sarà per altro preceduta da alcuni interventi, coordinati dalla giornalista Luce Tommasi. Parteciperanno innanzitutto Franco Bettoni e Roberto Alborghetti, seguiti dalla senatrice Silvana Amati, segretario di Presidenza del Senato e componente della Commissione Straordinaria per la Tutela e la Promozione dei Diritti Umani, dal senatore Maurizio Sacconi, presidente della Commissione Lavoro al Senato, dal deputato Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro alla Camera, da Giuseppe Turudda, componente del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza dell’INAIL e da Ester Rotoli, direttore centrale della Prevenzione INAIL. (S.B.)

Nel sito dell’ANMIL si possono vedere tutti i lavori vincitori del XIII Concorso Primi in sicurezza. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficio.stampa@anmil.it.

Stampa questo articolo