Autismo e scuola: buone prassi inclusive

Creare una rete reale tra scuola, famiglia e istituzioni sociosanitarie, al fine di migliorare la gestione dei rapporti con bambini e adolescenti affetti da sindrome dello spettro autistico: è questo l’obiettivo del progetto ministeriale denominato “Autismo e Scuola”, nel cui àmbito si terrà il 19 giugno a Caserta un importante convegno di formazione, tutto dedicato alle buone prassi inclusive

Ragazzo con dei cubi colorati davanti, che compongono la parola "Autism"Direttamente promosso dal Ministero dell’Istruzione con un’ampia opera di sensibilizzazione, il Progetto Autismo e Scuola si propone di creare una rete reale tra scuola, famiglia e istituzioni sociosanitarie, al fine di migliorare la gestione dei rapporti con bambini e adolescenti affetti da sindrome dello spettro autistico. E poiché dopo la famiglia, la scuola è il luogo dove i bambini e gli adolescenti passano la maggior parte del loro tempo, da ciò deriva la necessità di formare dirigenti scolastici, docenti e personale ATA (Ausiliario Tecnico Amministrativo) sulle buone prassi inclusive, al fine di ottenere una corretta e concreta integrazione e inclusione.
Rientra in tale progetto il convegno di formazione sulle buone prassi inclusive, intitolato anch’esso semplicemente Autismo e Scuola, in programma per venerdì 19 giugno a Caserta, presso il Liceo Statale Manzoni (Via De Gasperi, ore 16.30), sede del CTS Provinciale (Centro Territoriale di Supporto per le nuove tecnologie per la didattica inclusiva), a cura dell’Associazione @uxilia Campania, in collaborazione con Federhand/FISH Campania (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e NPIA in rete Campania (Associazione, quest’ultima, che riunisce a livello regionale specialisti e specializzandi in Neuropsichiatria Infantile e dell’Adolescenza).

Introdotto dai saluti di Adele Vairo, dirigente scolastico e presidente del CTS di Caserta, e di Angelo Di Costanzo, presidente della Provincia di Caserta, il convegno prevede poi gli interventi di Raffaele Ciambrone, funzionario del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca; Donatella Palma, presidente di NPIA in rete Campania; Alessandro Frolli, esperto di Analisi Comportamentale Applicata (ABA), nonché estensore delle Linee Guida per l’Autismo della SINPIA (Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza) e revisore della letteratura scientifica nell’àmbito della Linea Guida n. 21 dell’Istituto Superiore di Sanità (Trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e adolescenti); Giuseppina Fierro, dirigente scolastico; Rosaria Benincasa, psicologa esperta di ABA; Gennaro Pezzurro, presidente di @uxilia Campania e referente per l’autismo di Federhand/FISH Campania.
Parteciperanno inoltre Francesco Di Salle, ordinario di Neuroradiologia all’Università di Salerno, Caterina Toraldo, neuropsichiatra infantile e Daniele Romano, presidente di Federhand/FISH Campania, mentre le conclusioni dell’incontro saranno tratte da Luisa Franzese, direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale della Campania. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: auxilia.napoli@gmail.com (Associazione @uxilia Campania); arnone.fabrizio@gmail.com (Ufficio Stampa Liceo Manzoni di Caserta).

Stampa questo articolo