Il 4 ottobre sarà il Giorno del Dono

È stata infatti approvata la relativa legge, per la quale si è battuto con forza l’IID (Istituto Italiano della Donazione). Soddisfazione viene espressa dal portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore Pietro Barbieri, mentre il presidente dell’IID Edoardo Patriarca, primo firmatario del Disegno di Legge, insieme all’ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, sottolinea che il 4 Ottobre verranno celebrati «i valori della solidarietà e della sussidiarietà»

Logo scelto per il Giorno del Dono del 4 Ottobre

Il logo scelto per il Giorno del Dono del 4 Ottobre

Dal prossimo 4 ottobre, già Giornata della Pace, della Fraternità e del Dialogo tra Culture e Religioni Diverse, si potrà ufficialmente festeggiare anche il Giorno del Dono, dopoché infatti si è concluso – con l’approvazione da parte del Senato – l’iter parlamentare cominciato nel 2013 e tenacemente promosso dall’IID (Istituto Italiano della Donazione), organismo fondato dal Forum Nazionale del Terzo Settore, che ha visto come primi firmatari del Disegno di Legge l’ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e il deputato Edoardo Patriarca, che è anche presidente dello stesso IID.
«Accogliamo con grande soddisfazione – commenta Pietro Barbieri, portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore – il riconoscimento di una Giornata Nazionale dedicata ai valori della gratuità, della solidarietà, dello scambio, della partecipazione attiva, dell’impegno dei cittadini per i beni comuni e per la costruzione di un tessuto sociale così importante per il nostro Paese».
«Il Giorno del Dono – dichiara dal canto suo Patriarca – non sarà il “giorno del buonismo” né tanto meno un giorno dedicato alla sola raccolta fondi. Esso nasce per celebrare i valori della solidarietà e della sussidiarietà ed è dedicato a tutti coloro che non si sono fatti fermare dalle difficoltà e che ogni giorno lavorano per il bene comune: cittadini, organizzazioni di Terzo Settore, imprese virtuose. Va sempre ricordato che in Italia operano quasi 5 milioni di volontari, cittadini attivi che hanno deciso di impegnarsi, di rimboccarsi le maniche per assumersi delle responsabilità, personali o di gruppo, per fare qualcosa per il bene collettivo e questo è un miracolo silenzioso che accade ogni giorno». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: comunicazione@istitutoitalianodonazione.it (Ornella Ponzoni); stampa@forumterzosettore.it (Anna Monterubbianesi).

Stampa questo articolo