UICI Lombardia: uniti negli intenti, convinti nelle idee

«Vogliamo continuare ad essere parte attiva in un dialogo costante con gli Enti Istituzionali della Regione, ponendoci come valido interlocutore nell’àmbito di tutti quei processi decisionali che comportano scelte destinate a influire sulla vita quotidiana delle persone non vedenti e ipovedenti»: lo ha sottolineato Nicola Stilla, in occasione della sua recente rielezione alla Presidenza del Consiglio Regionale Lombardo dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti)

Nicola Stilla

Nicola Stilla è stato confermato alla Presidenza del Consiglio Regionale Lombardo dell’UICI

All’insegna di una grande coesione e unità d’intenti, il Consiglio Regionale Lombardo dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) ha confermato alla propria Presidenza e Vicepresidenza Nicola Stilla e Giovanni Battista Fiaccadori. Confermato anche il consigliere delegato Rodolfo Masto, mentre quali ulteriori componenti dell’Ufficio di Presidenza sono stati eletti Mirella Gavioli e Claudio Romano.
«Nel segno di una generale continuità con quanto fatto finora – ha dichiarato Stilla, dopo la sua rielezione – massima attenzione andrà rivolta alla delicatissima problematica inerente i servizi di supporto scolastico a livello regionale, la cui continuità è sempre più messa in discussione per via della nascita delle nuove Città Metropolitane in sostituzione delle ex Province e le conseguenti incertezze relative alle competenze in materia. Da non dimenticare, poi, la formazione professionale e l’accesso al lavoro, che insieme all’istruzione rappresentano i tre pilastri sui quali si dovrebbe costruire una vera e concreta integrazione sociale delle persone non vedenti e ipovedenti». «Ci aspetta un duro lavoro – ha concluso -, ma penso che la compattezza e l’unità che il nostro Consiglio ha mostrato già in occasione del suo insediamento rappresentino un patrimonio da valorizzare quanto più possibile nei mesi a venire. Se tutti noi sapremo trasferire questo slancio e questo entusiasmo nelle azioni che ci prefiggiamo di porre in essere, allora l’UICI della Lombardia avrà tutte le potenzialità per raggiungere un obiettivo che ritengo fondamentale: far sentire la vicinanza a tutti i Soci nel modo più congeniale, rendendosi cioè parte attiva in un dialogo costante con gli Enti Regionali e ponendosi come valido interlocutore nell’àmbito di tutti quei processi decisionali che comportano scelte destinate a influire sulla vita quotidiana delle persone non vedenti e ipovedenti». (M.P. e S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: addettostampa@uicilombardia.org (Massimiliano Penna).

Stampa questo articolo