Fondo per le Politiche Sociali: il Decreto di Ripartizione

Andranno circa 278 milioni di euro, alle Regioni, nell’àmbito del Fondo Nazionale per le Politiche Sociali, come stabilito dal Decreto di Ripartizione per il 2015, pubblicato nei giorni scorsi in Gazzetta Ufficiale, tramite il quale il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali provvede annualmente a suddividere gli stanziamenti approvati per tale settore dal Parlamento, nella precedente Legge di Stabilità

Disegno con anziano, persona in carrozzina e persona in stato di disagioCome segnala «Condicio.it» – fondamentale strumento informativo della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), che dal 2013 raccoglie, indicizza, raffronta e analizza le fonti, gli studi e le ricerche inerenti la condizione di vita delle persone con disabilità – è stato pubblicato nei giorni scorsi in Gazzetta Ufficiale il Decreto di ripartizione delle risorse afferenti il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali per il 2015, tramite il quale il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali provvede annualmente a suddividere gli stanziamenti approvati dal Parlamento nella precedente Legge di Stabilità.

Per quest’anno, dunque, la somma ripartita tra le Regioni e l’Amministrazione Centrale ammonta a un totale di circa 313 milioni di euro, a fronte dei 293 milioni del 2014. Di questi, quasi 35 milioni rimangono al Ministero e poco più di 278 milioni vengono trasferiti alle Regioni, le quali si impegnano a programmare gli impieghi di tale risorse sui vari interventi riguardanti la rete assistenziale, i servizi e le misure per favorire la permanenza a domicilio, la prima infanzia, i servizi territoriali comunitari e quelli a carattere residenziale per le fragilità, oltre alle misure di inclusione sociale e di sostegno al reddito.

Il Decreto dispone inoltre la costituzione, a cura del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di un gruppo di lavoro con le Regioni e l’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), al fine di definire, in modo condiviso, un Piano Sociale Nazionale Triennale, volto a individuare le priorità di finanziamento, l’articolazione delle risorse del Fondo, nonché le linee di intervento e gli indicatori finalizzati a specificare gli obiettivi di servizio. (S.B.)

Stampa questo articolo