Perché stiamo così male?

«Lodevole iniziativa – scrive Giorgio Genta – quella del nuovo ponte girevole nella darsena di Savona, che permetterebbe una pari opportunità di passeggiata anche alle persone con disabilità motoria. Purtroppo ci si è messa di mezzo la stupidità e la malvagità, ovvero la scelleratezza di ragazzi in cerca di brividi emozionali o di celebrità mediatiche. Conseguenza: aumento dei costi a carico della comunità e consuete difficoltà per i non deambulanti…»

Agosto 2015: vandalismi sul ponte mobile della Darsena di Savona

Nell’immagine diffusa in esclusiva da «IVG.it», la telecamera di sorveglianza riprende l’ennesimo atto di vandalismo sul ponte mobile della Darsena di Savona, l’ottavo in appena tre mesi e mezzo, dal momento dell’inaugurazione

Domanda lecita e attuale: «perché stiamo così male?». E il riferimento non è tanto alla salute fisica delle persone con o senza disabilità, ma a quel complesso di stati d’animo basati su fatti reali nel quale viviamo. Valga come risposta un piccolo esempio tratto da una realtà locale.
Nella darsena di Savona era stato recentemente inaugurato il nuovo ponte girevole che avrebbe dovuto permettere un comodo passaggio tra due zone del porto anche alle persone con disabilità motoria. Il vecchio ponte apribile, ma con scale d’accesso fornite di montascale mai funzionanti, non lo permetteva.
Lodevole iniziativa, quella del nuovo ponte, che al di là di alcuni ritardi e messe a punto iniziali, avrebbe permesso una pari opportunità di passeggiata.
Purtroppo ci si è messa di mezzo la stupidità e la malvagità degli uomini. Nei primi mesi di servizio, infatti, il meccanismo di apertura del ponte, tecnologicamente complesso, è stato messo fuori uso, come dimostrano i numerosi filmati apparsi in rete sui social, dalla scelleratezza di ragazzi in cerca di brividi emozionali o di celebrità mediatiche.
Conseguenza: aumento dei costi a carico della comunità (ovvero posizionamento di telecamere ad alta risoluzione per individuare i teppistelli) e consuete difficoltà per i non deambulanti a far due passi (si fa per dire) in una zona assai caratteristica della cittadina che diede i natali all’utilissimo sapone.
E voi, medici, infermieri, operatori sociosanitari vari, ve le lavate sempre bene le mani?…

Stampa questo articolo