A conoscere Genny, sul lungomare di Varazze

Genny, la speciale carrozzina su due ruote, ideata e realizzata da Paolo Badano, sfruttando un movimento ondulatorio e un particolare sistema di equilibrio, sarà infatti presente dal 18 al 20 settembre alla “Varazze Outdoor Fest”, per dimostrare che anche tipologie di terreno difficili come le spiagge e la montagna possono diventare accessibili a una persona con disabilità in carrozzina

Paolo Badano

Paolo Badano con la sua “creatura” Genny

Nella primavera scorsa avevamo lasciato Genny “in tour” in varie città del nostro Paese, la ritroveremo ora sul lungomare di Varazze, in provincia di Savona, dal 18 al 20 settembre, in occasione del Varazze Outdoor Fest, evento promosso dalla locale Associazione di Promozione Sociale Vaze Free Time, che sarà caratterizzato da una tre giorni di molteplici attività sportive, coinvolgendo sia il mare che l’area urbana e la montagna.

Parliamo naturalmente di Genny, la speciale carrozzina su due ruote, che sfrutta un movimento ondulatorio e un sistema di equilibrio particolare, ideata e realizzata dal savonese Paolo Badano, persona con paraplegia, che con la sua azienda Genny Mobility ha stabilito un accordo con Segway Inc. e Deka Research (rispettivamente produttore e inventore della tecnologia autobilanciante), per la produzione e la commercializzazione dell’ausilio come dispositivo medico a livello europeo.
Dopo essere quindi passata dai primi esemplari fabbricati artigianalmente alla produzione in serie della più perfezionata Genny 2.0, si può dire che questa sedia rivoluzionaria nella concezione, ricca di tecnologia all’avanguardia e robusta nei componenti, sia avviata a conquistare i mercati del Vecchio Continente.

«La spiaggia e la montagna – spiega Badano, a proposito della manifestazione di Varazze, dove tutti potranno conoscere Genny da vicino, nello stand dedicato – sono terreni non accessibili a una persona con disabilità che si muove su una comune sedia a rotelle, che spesso incontra difficoltà anche sul terreno urbano. Per questo abbiamo deciso di essere presenti alla Varazze Outdoor Fest, dove tutti gli eventi sportivi si svolgeranno appunto tra mare e montagna, tipologie di terreno che grazie a Genny, nella version XRoad, possono realmente diventare accessibili in autonomia».

Da segnalare infine, sempre nell’àmbito della manifestazione ligure, anche la sessione di mototerapia, con il team Daboot di Vanni Oddera, noto freestyler del motocross, che promuove spettacoli durante i quali le persone con disabilità possono prima essere spettatori privilegiati delle evoluzioni dei campioni e poi vivere essi stessi le emozioni di questa attività. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: gennymobility.press@geodecom.it.

Stampa questo articolo