Autismo e metodo ABA: a fianco dell’insegnante di sostegno

Promosso per il terzo anno consecutivo dall’Associazione salernitana Autismo Fuori dal Silenzio, il progetto “Tutor ABA a Scuola” consiste nell’affiancare all’insegnante di sostegno un supervisore specializzato nel metodo ABA (“Analisi Comportamentale Applicata”), consentendo all’insegnante stesso di conoscere al meglio tale percorso, formandosi direttamente sul campo e aiutando bambini e ragazzi ad essere integrati nel contesto della scuola d’infanzia, primaria o secondaria

Immagine in controluce di ragazzo su fondo di puzzleHa preso il via in questi giorni, per il terzo anno consecutivo, il progetto Tutor ABA a Scuola, iniziativa promossa in Campania dall’Associazione salernitana Autismo Fuori dal Silenzio, consistente appunto nell’affiancamento all’insegnante di sostegno di un supervisore specializzato nel metodo ABA (“Analisi Comportamentale Applicata”) – che già segue il bimbo o il ragazzo presso l’ambiente domiciliare – consentendo all’insegnante di sostegno stesso di conoscere al meglio il percorso ABA, formandosi direttamente sul campo e aiutando bambini e ragazzi ad essere integrati nel contesto della scuola d’infanzia, primaria o secondaria.
«Nonostante il metodo ABA sia citato nella Linea Guida n. 21 per l’autismo dell’Istituto Superiore di Sanità, come un intervento riabilitativo che può far migliorare le abilità nei soggetti con autismo, al momento – viene sottolineato ancora una volta da parte dei responsabili di Autismo Fuori dal Silenzio – la figura dell’analista del comportamento applicato è ancora remota, ma come Associazione auspichiamo che col tempo questa figura venga riconosciuta, come è accaduto in altri Paesi europei e in parte negli Stati Uniti, dove le famiglie vengono assistite a 360 gradi nel percorso terapeutico e riabilitativo del proprio figlio, non escludendolo dalla società, ma includendolo in tutte le attività possibili nel corso della sua vita». (S.G.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@autismofuoridalsilenzio.it.

Stampa questo articolo