Una nuova sede per l’Associazione AltroDomani

Verrà inaugurata il 26 settembre a Torino la nuova sede dell’Associazione piemontese AltroDomani (NOI, contro le Malattie NeuroMuscolari), nata nel 2011 per volere di un gruppo di genitori di bambini affetti da distrofia muscolare di Duchenne e di alcuni loro amici, che rivolge però la propria azione a tutte le persone affette da malattie neuromuscolari e alle loro famiglie

Nate, USA, giovane con la distrofia di Duchenne

Nate è un giovane americano con la distrofia muscolare di Duchenne, una delle più gravi tra le malattie neuromuscolari

Nata quattro anno fa, per volere di un gruppo di genitori di bambini affetti da distrofia muscolare di Duchenne e di alcuni loro amici, che rivolge però la propria azione a tutte le persone affette da malattie neuromuscolari (distrofie, atrofie, miopatie, miastenie ecc.) e alle loro famiglie, l’Associazione piemontese AltroDomani (NOI, contro le Malattie NeuroMuscolari) inaugurerà sabato 26 settembre a Torino la propria nuova sede (Via Candiolo, 2, ore 16).

«Per noi – dichiara il presidente di AltroDomani Francesco Ieva – questo è un traguardo molto importante che ci permetterà di aprire un nuovo capitolo nella storia della nostra Associazione. Ciò si è reso possibile grazie all’appoggio e all’incoraggiamento di molti soci e sostenitori che ci hanno fatto crescere, consentendoci, anche in termini economici, di affrontare questo passo. Data infatti la dimensione da noi raggiunta, era ormai divenuta impellente la necessità di una nostra casa dove far crescere al meglio l’Associazione. Voglio quindi ringraziare tutti coloro che ci hanno sostenuto, ma soprattutto la squadra di AltroDomani, il Direttivo, che ha lavorato molto e con vero spirito di servizio per raggiungere questi risultati».

La nuova sede operativa costituirà il punto di riferimento per poter incontrare tutti i soci, i pazienti, le famiglie, i medici e gli specialisti o semplicemente per chi vorrà conoscere l’Associazione. Grazie a questi spazi, poi, sarà possibile programmare nuove attività, progetti ed eventi, organizzare il lavoro dei volontari e fornire l’iniziale assistenza ai nuovi pazienti che, purtroppo, si affacciano alle problematiche delle malattie neuromuscolari. (M.S.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@altrodomani.it (Maximiliano Sarasino).

Stampa questo articolo