Un piano contro la povertà. Adesso!

Nel corso di un’iniziativa organizzata per il 14 ottobre a Roma, in vista della presentazione della Legge di Stabilità per il 2016, l’Alleanza contro la Povertà – realtà composta da varie organizzazioni di rilevanza nazionale, appartenenti al mondo delle Istituzioni, dei Sindacati e del Terzo Settore – chiederà al Governo l’avvio di un vero Piano Nazionale contro la Povertà, un messaggio, questo, fondamentale anche per le persone con disabilità e per le loro famiglie, ricordando che proprio la disabilità è uno dei fattori che aumentano il rischio di povertà e di esclusione sociale

Persona in carrozzina che chiede l'elemosinaSi chiama Un piano contro la povertà. Adesso!, l’iniziativa promossa dall’Alleanza contro la Povertà realtà composta da varie note organizzazioni di rilevanza nazionale, appartenenti al mondo delle Istituzioni, dei Sindacati e del Terzo Settore (se ne veda l’elenco in calce), tra cui anche il Forum Nazionale del Terzo Settore, cui aderisce la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) – che è in programma per mercoledì 14 ottobre, presso il Palazzo della Cooperazione di Roma (Via Torino, 146, ore 10), alla vigilia della presentazione della Legge di Stabilità per il 2016, per chiedere al Governo l’avvio di un vero Piano Nazionale contro la Povertà.

L’Alleanza contro la Povertà – come avevamo segnalato a suo tempo anche da queste pagine – è impegnata da tempo per far riconoscere l’urgenza per l’Italia di dotarsi di una strategia nazionale di contrasto alla povertà e ha avanzato in tal senso una dettagliata proposta per l’adozione di una misura specifica come il Reddito di Inclusione Sociale (REIS), rivolto alla povertà assoluta.
Per questo sta giudicando molto positivamente che si parli finalmente di un piano di contrasto alla povertà, che dovrà tuttavia essere dotato di un giusto respiro, capace cioè di guardare a un orizzonte ampio, con risorse adeguate ad avviarne una graduale attuazione.
Si tratta, com’è facile immaginare, di tematiche quanto mai significative anche se lette dall’angolo prospettico delle persone con disabilità e delle loro famiglie, dal momento che – fatto ormai ben noto – la disabilità risulta purtroppo essere uno dei fattori che aumentano il rischio di povertà e di esclusione sociale. (A.M. e S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: stampa@forumterzosettore.it (Anna Monterubbianesi).

I soggetti fondatori dell’Alleanza contro la Povertà
° ACLI (Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani)
° Action Aid
° ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani)
° Azione Cattolica Italiana
° Caritas Italiana
° CGIL-CISL-UIL
° CNCA (Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza)
° Comunità di Sant’Egidio
° Confcooperative
° Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome
° Federazione Nazionale Società di San Vincenzo De Paoli Consiglio Nazionale Italiano – ONLUS
° Fio.PSD (Federazione Italiana degli Organismi per le Persone Senza Dimora)
° Fondazione Banco Alimentare ONLUS
° Forum Nazionale del Terzo Settore (cui aderisce la FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap)
° Jesuit Social Network
° Legautonomie
° Save the Children
° Umanità Nuova-Movimento dei Focolari

I soggetti aderenti all’Alleanza contro la Povertà
° Adiconsum
° ARCI
° Associazione Professione in Famiglia
° ATD (Agire Tutti per la Dignità) Quarto Mondo
° Banco Farmaceutico
° CILAP EAPN Italia (Collegamento Italiano di Lotta alla Povertà – European Anti Poverty Network)
° CSVnet (Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato)
° Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia
° Federazione SCS (Salesiani per il Sociale)
° Fondazione Banco delle Opere di Carità ONLUS
° Fondazione ÉBBENE
° GVV (Gruppi di Volontariato Vincenziano) AIC Italia
° Piccola Opera della Divina Provvidenza del Don Orione
° UNITALSI (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) (aderente alla FISH)

Stampa questo articolo