Sclerosi multipla: come riabilitare l’equilibrio

Raccontare insieme ai propri ricercatori il significato e il “valore” dell’equilibrio per una persona con sclerosi multipla, spiegando come sia possibile “riabilitarlo” e lavorare per “controllarlo”: parte da queste basi il grande impegno dell’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) e della propria Fondazione FISM, all’interno del “Festival della Scienza” di Genova, con quattro diversi eventi promossi dal 23 ottobre sino alla conclusione della manifestazione

Riabilitazione dell'equilibrio al Servizio AISM Liguria

Riabilitazione dell’equilibrio al Servizio AISM Liguria

La scuola, la robotica, la ricerca medica e nello specifico la sclerosi multipla, raccontate attraverso il tema portante del Festival della Scienza di Genova, l’equilibrio: saranno ben quattro gli eventi proposti dall’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), insieme alla sua Fondazione FISM, durante la kermesse in corso nel capoluogo ligure da oggi, 22 ottobre fino al 1° novembre, per raccontare insieme ai propri ricercatori il significato e il “valore” dell’equilibrio per una persona con sclerosi multipla; spiegando come sia possibile “riabilitarlo” e lavorare per “controllarlo”.
Risiede del resto proprio a Genova il Servizio Riabilitazione AISM Liguria, luogo cardine degli studi scientifici riguardanti l’equilibrio e i problemi legati alla perdita di esso, cioè uno dei sintomi tra i più frequenti nelle persone con sclerosi multipla. Ed eccezionalmente, in occasione di questo Festival della Scienza, tale struttura sarà visitabile.

Cronica, invalidante, imprevedibile, la sclerosi multipla, lo ricordiamo, è una delle più gravi malattie del sistema nervoso centrale, che colpisce una persona ogni quattro ore e che non ha ancora una cura definitiva. È la prima causa di disabilità nei giovani e ne sono affette circa 3 milioni di persone nel mondo (700.000 in Europa, oltre 75.000 solo in Italia).
Nel dettaglio, dunque, delle iniziative proposte a Genova dall’AISM, va segnalata innanzitutto la conferenza di sabato 24, intitolata L’equilibrio personalizzato (Sala Berio della Biblioteca Berio, Via del Seminario, 16, ore 17), che potrà contare sull’intervento dei ricercatori della FISM Andrea Tacchino e Giampaolo Brichetto, premiati per i loro studi anche negli Stati Uniti, in occasione della Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla del 2014.
«I disturbi dell’equilibrio – spiegano – costituiscono uno dei sintomi tra i più invalidanti di questa patologia: per una persona con sclerosi multipla, infatti, il rischio di cadere è elevatissimo, in particolare quando svolge normali attività quali passeggiare, scendere e salire uno scalino, quando non ha una visione completa di ciò che ha intorno, quando è particolarmente affaticata. Il corretto mantenimento della stabilità è deputato alle informazioni provenienti dal sistema visivo, propriocettivo e vestibolare di un individuo che vengono integrate dal sistema nervoso centrale. Le lesioni a queste vie sensoriali (via visiva, propriocettiva o vestibolare) sono dunque la causa dei disturbi dell’equilibrio nella sclerosi mutipla, che non sono mai uguali per tutti. In linea con l’ipotesi, ormai diffusa e applicabile alla maggior parte delle funzioni motorie e cognitive, che i trattamenti riabilitativi personalizzati sono più efficaci di quelli non specifici, è diventato fondamentale per la neuroriabilitazione dell’equilibrio promuovere nuove tecniche per la valutazione dei sistemi coinvolti nel mantenimento della stabilità e, di conseguenza, per lo sviluppo di protocolli riabilitativi più mirati ed efficaci. L’AISM e la sua Fondazione FISM hanno sviluppato negli ultimi anni vari studi in linea con questo approccio, in particolare utilizzando pedane stabilometriche dinamiche». «Ebbene – concludono Tacchino e Brichetto – i primi risultati di questi studi dimostrano il vantaggio che un trattamento personalizzato dell’equilibrio può portare alle persone con sclerosi multipla, lasciando inoltre intravedere ottime prospettive anche per la pratica clinica».

Giovedì 29, poi, è in programma la Lectio Magistralis intitolata Insegnami l’equilibrio (Galata Museo del Mare, Calata de Mari, 1, ore 16) e divisa in quattro parti, ognuna delle quali trattata da un diverso relatore (Laura Lopes, Luigi Tesio, Guido Francavilla e Caterina Sgaritto), sui diversi aspetti degli studi scientifici riguardanti l’equilibrio, condotti in questi anni dall’AISM, tramite il suo Servizio Riabilitazione Liguria.
Si parlerà dunque, rispettivamente, di rapporto tra equilibrio e corpo umano (e sviluppo dell’equilibrio in età evolutiva), di come la sclerosi multipla influisca sull’autonomia delle persone affette, limitandole nelle attività della vita quotidiana e di riabilitazione, con la presentazione anche di programmi specificatamente creati in questo àmbito.

E ancora, sin da venerdì 23 e fino alla conclusione del Festival (Sala Munizioniere di Palazzo Ducale, Piazza Matteotti), sarà attivo il laboratorio denominato Equilibrio? Io non ci caScoMai!, ove attraverso filmati, sperimentazione diretta e colloqui con gli operatori, i partecipanti (dai 6 anni in su) scopriranno che cos’è l’equilibrio, quali sono le sue componenti (visiva, vestibolare, propriocettiva) e come può danneggiarsi.
Nelle giornate di venerdì 23 e sabato 24, quindi, l’altro laboratorio intitolato Sempre in Piedi mai in terra! (Centro del Servizio Riabilitazione Liguria AISM, Via Operai, 30, Genova Sampierdarena), durante il quale – anche qui tramite filmati, sperimentazione diretta e colloqui con gli operatori – si potrà capire come personalizzare trattamento riabilitativo con particolare attenzione al tema della sclerosi multipla.
Da ultimo, ma non ultimo, va segnalato anche che martedì 27, presso l’atrio di Palazzo Ducale (ore 18.30), il gruppo musicale degli STAG (Marco Guazzone, Giosuè Manuri, Stefano Costantini ed Edoardo Cicchinelli), insieme ad Erica Mou e Marco Sbarbati, altri artisti emergenti del panorama musicale italiano, porterà a Genova il singolo benefico Senza mentire, inciso per l’AISM allo scopo di sensibilizzare il pubblico sul tema della sclerosi multipla e della ricerca sulla malattia. Il brano, tra l’altro, ha vinto recentemente il Premio del MEI (Meeting Etichette Indipendenti). (B.E. e S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ufficio Stampa AISM (Barbara Erba), barbaraerba@gmail.com.

Stampa questo articolo