Supporto legale per le norme sui cani guida

«Qualcosa è cambiato, ma ancora troppo spesso manca il rispetto delle leggi che consentono ai cani guida delle persone con disabilità visiva di entrare dappertutto. Per questo, oltre a continuare a informare su quelle leggi, abbiamo deciso anche di difenderle concretamente»: così Laura Raffaeli, presidente di Blindsight Project, spiega perché la sua Associazione abbia avviato un nuovo specifico settore, che fornirà appunto supporto legale nei casi di mancato rispetto delle norme sui cani guida

Cane guida al guinzaglio di una persona con disabilità visivaGià promotrice ormai da molto tempo di una campagna sul cane guida, che ha anche portato successivamente alla realizzazione di una guida gratuita, l’Associazione Blindsight Project – impegnata a vari livelli per l’inclusione delle persone con disabilità, e in particolare di quelle con disabilità visiva – ha ora deciso di avviare un nuovo settore, non volendo più solamente limitarsi a informare sulle norme vigenti (Legge 37/74 modificata dalla Legge 60/06), che garantiscono ovunque l’ingresso ai cani guida a fianco delle persone con disabilità visiva, anche dove i cani normalmente non sono ammessi, ma intendendo difendere quelle stesse norme, grazie al supporto legale dell’AILA (Associazione Italiana Lotta agli Abusi), con la quale già collabora per il Servizio 008, dedicato a combattere ogni manifestazione di inciviltà.
«Qualcosa è cambiato – sottolinea Laura Raffaeli, presidente di Blindsight Project, spiegando le ragioni dell’iniziativa – ma di strada ne dobbiamo fare ancora molta in Italia, affinché le persone con disabilità visive, con cane guida, possano vivere autonomamente, e senza intralci od ostacoli al prezioso lavoro di questo “ausilio” vivente. Pensateci: un cane che sostituisce gli occhi di una persona, penso che al di là della legge, ci voglia coraggio a mandarlo via, eppure succede!».
Referente del nuovo settore sarà Simona Zanella, persona di grande esperienza e preparazione sull’argomento. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: caneguida@blindsight.eu.

Stampa questo articolo