La riforma della scuola: novità e criticità

Le novità e le prospettive della nuova scuola, i cambiamenti in Sardegna a livello regionale e locale – con particolare attenzione agli alunni e ai docenti con disabilità – saranno alcuni dei temi che verranno trattati nel corso del convegno nazionale intitolato “La riforma della scuola. Novità e criticità”, organizzato per il 6 e 7 novembre a Cagliari dallo IERFOP (Istituto Europeo per la Ricerca, la Formazione e l’Orientamento Professionale)

Aula scolastica con alunno in carrozzinaLe novità e le prospettive della nuova scuola, i cambiamenti a livello regionale e locale – con particolare attenzione agli alunni e ai docenti con disabilità – saranno alcuni dei temi che verranno trattati nel corso del convegno nazionale intitolato La riforma della scuola. Novità e criticità, organizzato per venerdì 6 e sabato 7 novembre a Cagliari (Aula Magna Giovanna Salaris, Via Platone, 1) dallo IERFOP (Istituto Europeo per la Ricerca, la Formazione e l’Orientamento Professionale), con il patrocinio della Giunta Regionale Sarda.
Tra i relatori della due giorni figureranno rappresentanti del Governo Nazionale, della Giunta e del Consiglio Regionale Sardo, degli Enti Locali, della scuola e di alcune associazioni di persone con disabilità e delle loro famiglie, tra le quali l’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), l’ENS (Ente Nazionale dei Sordi), l’ANMIL (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro), l’ANMIC (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili) e la FISPES (Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali).

Aperti da Ninni Depau, presidente del Consiglio Comunale di Cagliari e da Gianfranco Ganau, presidente del Consiglio Regionale della Sardegna, i lavori della prima giornata – introdotti da Raffaele Farigu, fondatore e presidente dello IERFOP – saranno dedicati all’analisi della recente riforma (la cosiddetta riforma della Buona Scuola), con le conseguenti ripercussioni a livello nazionale, locale e regionale.
Interverranno Francesco Feliziani, direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale della Sardegna, Francesco Pigliaru, presidente della Regione stessa, Pier Sandro Scano, presidente regionale dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), Antonello Giannelli, dirigente del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e rappresentante dell’ANP (già Associazione Nazionale Presidi, oggi Associazione Nazionale Dirigenti e Alte Professionalità della Scuola) e Luisa Piarulli, presidente dell’ANPE (Associazione Nazionale Pedagogisti Italiani).
Successivamente è prevista una tavola rotonda, con la partecipazione di Gavino Manca, presidente della Commissione Cultura del Consiglio Regionale Sardo, e dei rappresentanti nazionali e regionali dei Sindacati Scuola CGIL-CISL-UIL, insieme agli esponenti delle Università di Cagliari e Sassari.
Chiuderà i lavori della prima giornata Gianclaudio Bressa, sottosegretario di Stato agli Affari Regionali.

La giornata di sabato 7 sarà invece dedicata interamente agli alunni e studenti con disabilità, con gli interventi di Massimo Zedda, sindaco di Cagliari, seguito da Ivano Spano dell’Università di Padova, Giuseppe O. Longo dell’Università di Trieste, Elisabetta Armiato, presidente dell’Associazione Pensare oltre, Bachisio Zolo, direttore delle Attività Didattiche nello IERFOP e Franco Olla, esperto di problemi della sordità.
La successiva tavola rotonda potrà poi contare sulla presenza di Cristiano Erriu, assessore della Regione Sardegna agli Enti Locali, Anna Maria Sanna, componente di CRISIS (Centro di Ricerca per l’Integrazione Scolastica e l’Inclusione Sociale) e sui rappresentanti delle organizzazioni di persone con disabilità e delle loro famiglie.
Le conclusioni saranno affidate a Raffaele Farigu. (S.B.)

Lo IERFOP
L’Istituto Europeo per la Ricerca, la Formazione e l’Orientamento Professionale (IERFOP) è un’agenzia formativa accreditata, che dal 1988 opera sull’intero territorio nazionale a favore di tutte le categorie di persone con disabilità, in particolare delle minorazioni sensoriali.
Grazie alla ricerca e alla sperimentazione scientifica, tecnologica e sociopsicopedagogica, lo IERFOP individua sussidi adeguati per il superamento del deficit fisico, psichico e sensoriale, e metodiche didattiche specifiche.
L’obiettivo primario è l’inserimento nel lavoro e nella società delle “categorie svantaggiate”, supportandone l’accesso all’informazione e alla cultura, attraverso attività di formazione volte al recupero, all’autonomia e all’integrazione socio-economica.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ierfop@ierfop.org; editoria@studiotema.com.

Stampa questo articolo