Lo stato delle ricerche sulle patologie retiniche

È stato questo uno dei temi principali trattati a Firenze, durante la riunione annuale della SGOF (Società Francofona di Genetica Oftalmologica), «il cui bilancio – come sottolinea Assia Andrao, presidente di Retina Italia, la Federazione Italiana per la Lotta alle Distrofie Retiniche che ha contribuito all’incontro – è stato certamente positivo, in quanto gli studi presentati hanno messo in evidenza importanti progressi nella diagnostica genetica e nelle ricerche su possibili future terapie»

Occhio di una giovane affetta da retinite pigmentosa

L’occhio di una giovane affetta da retinite pigmentosa

Nel corso della riunione annuale della SGOF (Società Francofona di Genetica Oftalmologica), evento svoltosi il 16 e 17 ottobre a Firenze, con il patrocinio e il contributo anche di Retina Italia (la Federazione Italiana per la Lotta alle Distrofie Retiniche, aderente alla FISH-Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), alcuni genetisti e clinici hanno presentato a medici e operatori del settore i loro studi e i progressi dell’attività della genetica clinica e molecolare delle malattie dell’apparato visivo, in particolare per quanto riguarda le patologie retiniche, le quali a tutt’oggi non hanno ancora una possibile terapia.
Nella seconda giornata, poi, vi è stato l’incontro dedicato alle Associazioni dei pazienti e dei loro familiari e i relatori, con estrema cordialità e disponibilità, hanno risposto alle numerose domande provenienti dai pazienti in sala.
«Il bilancio della due giorni di Firenze – sottolinea Assia Andrao, presidente di Retina Italia – è certamente positivo, in quanto gli studi presentati hanno messo in evidenza importanti progressi nella diagnostica genetica e nelle ricerche su possibili future terapie. A conclusione dei lavori è apparso doveroso complimentarsi con gli organizzatori, rivolgendo parole di apprezzamento anche per la traduzione simultanea, mai presente nei congressi precedenti».
Da ricordare infine che a fianco dell’attività scientifica, sono state organizzate anche alcune visite guidate a luoghi artistici di Firenze, ciò che ha permesso la condivisione tra i partecipanti di momenti di socializzazione e dialogo, rafforzando così gli importanti rapporti di amicizia e collaborazione già collaudati nella precedente edizione di tale appuntamento, svoltasi in Germania. (S.B.)

Retina Italia ha registrato le relazioni della sessione pomeridiana di sabato 17 ottobre, dedicata, come detto, all’incontro con le Associazioni dei pazienti e dei loro familiari. I relativi video si possono ascoltare e vedere in YouTube (Bart Leroy; Maurice Hamel; Laura Cinelli; Isabelle Audo. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: assiaandrao@retinaitalia.org.

Stampa questo articolo