Ali per le famiglie

Ovvero “Una possibile conciliazione lavoro e famiglia in contesti in cui si vive la disabilità”, rispettivamente titolo e sottotitolo dell’incontro promosso per il 13 novembre a Pagani (Salerno), dall’Associazione Autismo Fuori dal Silenzio, in collaborazione con l’Ordine degli Psicologi della Campania e con la Cooperativa Sociale Innovamento, per fornire risposte utili e puntuali alle famiglie di persone con autismo

Immagine in ombra di un uomo su una montagna che tende la mano a un altro più in basso«Le famiglie di persone con autismo molto spesso vengono abbandonate a se stesse, senza alcuna informazione in merito alla patologia del proprio figlio, e senza capirne la gestione dello stesso»: è nata nel 2012 proprio per trovare risposte a queste esigenze, l’Associazione Autismo Fuori dal Silenzio di Salerno e tra le iniziative vi è anche l’organizzazione di incontri come quello in programma per venerdì 13 novembre, presso l’Auditorium Sant’Alfonso M. De Liguori (Piazza Sant’Alfonso, 1, ore 17.30), a Pagani (Salerno), intitolato Ali per le famiglie. Una possibile conciliazione lavoro e famiglia in contesti in cui si vive la disabilità.

Organizzato in collaborazione con l’Ordine degli Psicologi della Campania, in occasione della Settimana Regionale del Benessere Psicologico, oltreché con la Cooperativa Sociale Innovamento, il convegno si soffermerà tra l’altro sulle Linee Guida per l’Autismo della SINPIA (Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza) e sulla metodica dell’Analisi Applicata del Comportamento (ABA).
Dopo i saluti di Salvatore Bottone, Francesca Del Cedro e Carmela Pisani, rispettivamente sindaco e assessori comunali di Pagani e di Antonietta Bozzaotra, presidente dell’Ordine degli Psicologi della Campania, interverranno – moderati da Pierino Califano Alfonso D’Angelo, presidente di Autismo Fuori dal Silenzio (Le famiglie si raccontano…); Vincenzo D’Angelo, genitore e componente della medesima Associazione (La Famiglia è Speranza); Valentina Bosco, psicologa (La famiglia e la disabilità: i cambiamenti vissuti tra il dentro e il fuori la famiglia); Vita Farruggio, sociologa (Come le Istituzioni vanno incontro alle difficoltà lavorative dei genitori); Michele Ianniello, psicoterapeuta e presidente della Cooperativa Sociale Innovamento (Un possibile spazio di accoglienza per le famiglie); Moira Faustini, pedagogista e psicomotricista (Il ruolo delle figure professionali nella vita delle famiglie); Francesco Di Salle, ordinario di Neuroscienze all’Università di Salerno (Famiglia come motore del pieno sviluppo del soggetto con autismo). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@autismofuoridalsilenzio.it.

Stampa questo articolo