L’inclusione nella riforma della scuola

Un convegno voluto in occasione dei propri quindici anni di attività, per valorizzare il concetto di “Integrazione come Valore”, con particolare attenzione al mondo della scuola, alla luce della riforma sulla cosiddetta “Buona Scuola”: sarà questo l’incontro organizzato per il 28 novembre a Thiene (Vicenza) dall’Associazione vicentina Integrazione

Classe di scuola affollata«L’attività svolta in questi anni ci ha visto protagonisti di numerose iniziative, dalle piccole alle grandi, partendo dai nostri Comuni, dalle nostre realtà associative, per arrivare alla dimensione provinciale, regionale, nazionale ed europea. Per questo, con il nostro Consiglio Direttivo, abbiamo deciso di proporre un convegno che valorizzi il concetto di “Integrazione come Valore”, con particolare attenzione al mondo della scuola, alla luce della nuova riforma sulla Buona Scuola».
Così Maria Grazia Bettale, presidente dell’Associazione vicentina Integrazione (Associazione per l’Integrazione Scolastica, la Riabilitazione e l’Inserimento Sociale dei Minori Diabili), presenta il convegno intitolato La normativa inclusiva nella nuova legge di riforma della Buona Scuola, promosso per sabato 28 novembre a Thiene, in provincia di Vicenza (Palazzo Cornaggia, Sala Riunioni della Biblioteca Civica, Via Corradini, 1, ore 9-13, ingresso libero), evento voluto per celebrare i quindici anni di attività della stessa Associazione Integrazione.

«Questo incontro – aggiunge Bettale – è dedicato a Mario Tortello [se ne legga nel box in calce, N.d.R.], che ci insegnò il valore di quattro concetti-chiave a lui tanto cari, ovvero “Riprendiamoci la pedagogia”, “Pensami adulto”, “Partecipare per apprendere” e “La pedagogia dei genitori”».
Rimandando i Lettori al programma completo dell’incontro, presente nel sito dell’Associazione Integrazione, ricordiamo qui che tra i vari autorevoli relatori sarà presente anche Salvatore Nocera, già vicepresidente nazionale della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), nella quale ricopre oggi il ruolo di Presidente del Comitato dei Garanti, oltre ad essere responsabile dell’Area Normativo-Giuridica dell’Osservatorio Scolastico dell’AIPD (Associazione Italiana Persone Down) e anche consulente dell’Associazione Integrazione. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: integrazione@pedagogiadeigenitori.org

Mario Tortello
Scomparso prematuramente a 51 anni il 12 giugno del 2001, Mario Tortello, cui è dedicato il convegno del quale si parla nella presente nota, fu uno strenuo difensore dei diritti dei più deboli, in ogni sede. Per il quotidiano «La Stampa» di Torino, si occupò per anni di scuola, ma oltre all’attività di giornalista, fece parte anche del Comitato Tecnico dell’Osservatorio Permanente sull’Handicap presso il Ministero della Pubblica Istruzione e fu docente a contratto di Pedagogia Generale presso l’Università di Torino. Le sue analisi meticolose e severe sono state pubblicate in vari libri e riviste, tra le quali in particolare «Handicap & Scuola» del Comitato per l’Integrazione Scolastica di Torino.

Stampa questo articolo