Le giornate di Milano dedicate alla disabilità

In questi giorni Milano celebra la Giornata Internazionale ed Europea delle Persone con Disabilità con la seconda edizione delle “Giornate dedicate alla disabilità”, tra varie iniziative di sport, tetaro e musica, ma parlando anche di temi quali l’accessibilità e l’inclusione sociale nelle città. In tal senso l’evento principale sarà un convegno del 3 dicembre, in cui si cercherà fra l’altro di tracciare un percorso di progettazione di spazi e contesti accessibili e inclusivi, anche tramite una rete di città italiane impegnate su tali temi

Parco Formentano a Milano

Un’immagine del Parco Formentano a Milano, dove qualche tempo fa è stata inaugurata un’area-giochi accessibile a tutti i bambini

In questi giorni Milano celebra la Giornata Internazionale ed Europea delle Persone con Disabilità del 3 Dicembre con la seconda edizione delle Giornate dedicate alla disabilità, evento nato lo scorso anno all’interno dei lavori del Tavolo Permanente della Disabilità, all’insegna della condivisione tra associazioni di rappresentanza, mondo della cooperazione sociale, ASL e Comune.
E in linea con il tema proposto quest’anno dalle Nazioni Unite (Questioni di inclusione: accesso ed empowerment per le persone con tutte le abilità), anche nel capoluogo lombardo vi sono al centro l’accessibilità e l’inclusione sociale nelle città, insieme a varie iniziative di sport, teatro e musica.

Rimandando i Lettori al programma-completo degli eventi, ne segnaliamo qui alcuni, a partire da quelli già svolti, come, in àmbito lavorativo, l’incontro del 1° dicembre intitolato Disabilità, Integrazione, Tecnologie. Progetti e racconti di ordinaria inclusione, organizzato dall’AIPD Lombardia (Associazione Italiana Persone Down), in collaborazione con Accenture-Unicredit e con il patrocinio del Comune di Milano, o, in àmbito sportivo, la tavola rotonda del 30 novembre Sport e qualità della vita, promossa direttamente dal Comune di Milano, con la partecipazione di associazioni sportive del territorio e del Ciessevi (Centro Servizi per il Volontariato) e il torneo di calcetto del 2 dicembre al Centro Sportivo Iseo, con la partecipazione dei CDD (Centri Diurni per Disabili) dell’Area Metropolitana e la collaborazione dell’UISP (Unione Italiana Sport per Tutti).

Tra le altre iniziative ancora in calendario, invece, segnaliamo per il 4 dicembre una giornata di prova allo sport, aperta a persone con e senza disabilità, nelle discipline di golf, arrampicata, calcio e danza.
E da ultimo, ma non certo ultimo, quello che costituisce l’evento principale, ovvero il convegno del 3 dicembre intitolato Accessibilità – Il progetto di Milano, il progetto di altre città italiane – Stato dell’arte (Acquario Civico di Milano, ore 10), che in mattinata prevede l’intervento dei protagonisti della task force attivata per l’Expo tramite il Progetto Accessibilità, vale a dire la LEDHA (la Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità che è la componente lombarda della FISH-Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), l’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), la Società Expo, la Regione Lombardia e il Comune di Milano. A moderare questa fase sarà Maurizio Trezzi.
Nel pomeriggio, invece, si confronteranno sui temi dell’accessibilità i rappresentanti di alcune città (Alessandria, Follonica Trieste– in provincia di Grosseto – Terni, Trieste e Parma), con l’intervento anche di un rappresentante del Progetto Accessibilità della Regione Emilia Romagna, il commento degli architetti Armando De Salvatore, Michela Vassena e Isabella Steffan e la conduzione di Claudio Arrigoni.
«L’intento di questo convegno – spiegano i promotori – è anche quello di festeggiare insieme Milano, che l’8 dicembre prossimo riceverà uno dei riconoscimenti della Commissione Europea per il Premio UE Access City Award, oltreché di lasciare una traccia per la definizione di un percorso futuro di progettazione di spazi e contesti accessibili ed inclusivi, anche attraverso l’avvio di una rete di città italiane impegnate sui temi dell’accessibilità». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Antonella Miccoli (Ufficio di Staff Direzione di Settore Domiciliarità e Cultura della Salute del Comune di Milano), antonella.miccoli@comune.milano.it.

Stampa questo articolo