L’importanza della musica per le persone con disabilità visiva

Un concetto ben dimostrato anche dalla riuscita del Progetto “Sinfo-Ascolto”, nato da una collaborazione fra l’UICI di Torino (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), l’Orchestra Sinfonica Giovanile del Piemonte e il Liceo Musicale Istituto Mozart di Ivrea, consistente in un percorso di avvicinamento alla musica classica, rivolto a tutte le persone con disabilità visiva del territorio

Ensemble Dodecacellos

L’Ensemble Dodecacellos che si esibirà nella serata di oggi a Ivrea, evento cui sono state invitate anche le persone con disabilità visiva coinvolte nel Progetto “Sinfo-Ascolto”

Se per tutti la musica è uno spazio di bellezza e arricchimento, si può dire che per le persone con disabilità visiva essa ricopra un ruolo straordinario. Grazie all’ascolto, infatti, i ciechi e gli ipovedenti imparano a conoscere e a conoscersi, a orientarsi nell’ambiente circostante e nella vita.

C’è proprio questa consapevolezza alla base del progetto denominato Sinfo-Ascolto, nato da una collaborazione fra l’UICI di Torino (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) e l’Orchestra Sinfonica Giovanile del Piemonte. Già da un anno, del resto, su mandato dell’ASL Torino 4, l’UICI gestisce il Centro di Riabilitazione Visiva di Ivrea e tra le tante attività che tale struttura ha da offrire vi sono i corsi di musicoterapia per adulti, condotti dalla psicologa e psicoterapeuta Manuela Mariscotti.
Nell’àmbito di questa esperienza, dunque, è stato strutturato un percorso di avvicinamento alla musica classica, rivolto però non solo agli utenti dei corsi, ma a tutte le persone con disabilità visivi residenti sul territorio.
Sinfo-Ascolto è realizzato con il contributo della Fondazione CRT (Cassa di Risparmio di Torino), attraverso il Progetto Tempo per una vita migliore: competenze in gioco!.

Grazie quindi anche alla disponibilità di Gianni Monte, presidente dell’Orchestra Sinfonica Giovanile e direttore del Liceo Musicale Istituto Mozart di Ivrea, le persone cieche e ipovedenti possono immergersi nella magia del mondo musicale con un percorso a tappe, partecipando inizialmente a quattro incontri con gli studenti del liceo, che sono anche i componenti dell’orchestra. In tali occasioni imparano a conoscere i vari strumenti, apprezzandone timbro e peculiarità specifiche. Successivamente assistono ad alcune prove d’orchestra e infine vengono invitati ai concerti, il tutto all’insegna della gratuità. L’intero ciclo, la cui durata può variare da uno a due mesi, è pensato per ripetersi nel tempo.
Nelle scorse settimane, le persone con disabilità visiva, accolte con grande calore, hanno partecipato a un concerto nella Cattedrale di Ivrea dal programma interamente mozartiano e nella serata di oggi, 21 dicembre, sono state invitate all’Auditorium Mozart, per seguire il concerto dell’Ensemble Dodecacellos, che eseguirà brani tipici del repertorio natalizio.

«Questa iniziativa – commenta Franco Lepore, presidente dell’UICI di Torino – rientra nel progetto di offrire agli utenti della struttura di Ivrea attività interessanti e sempre nuove, anche attraverso il coinvolgimento di altre realtà del territorio». (L.M.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficio.stampa@uictorino.it (Lorenzo Montanaro).

Stampa questo articolo