Pescara: ripristinare i servizi dedicati alla disabilità

«Negli ultimi tre anni abbiamo assistito al dimezzamento delle ore di assistenza, alla riduzione del 50% del budget per i servizi sociali. Ora, con il più recente provvedimento del Comune di Pescara, quasi tutti i disabili gravi avranno la sospensione o addirittura la riduzione totale dei servizi domiciliari»: così l’Associazione Carrozzine Determinate Abruzzo motiva la propria adesione alla manifestazione di protesta promossa dalla CGIL per oggi, 20 gennaio, davanti al Comune di Pescara

Realizzazione grafica con una grande forbice che sembra tagliare una carrozzina«I tagli del Comune di Pescara – culminati nel più recente provvedimento che ha portato al “congelamento” dell’assistenza domiciliare fino al 31 marzo per 60 malati e persone non autosufficienti, mentre per altri 90 l’assistenza sarà ridotta – rappresentano una sostanziale interruzione di servizio pubblico, ancor più grave perché relativa a prestazioni di prima necessità tese a garantire la salvaguardia della salute dei cittadini»: sono queste le ragioni che hanno portato oggi, 20 gennaio, il sindacato CGIL a manifestare davanti al Municipio della città abruzzese, con un’iniziativa significativamente intitolata Il Comune di Pescara abbandona gli anziani e i disabili.

Alla protesta ha aderito anche l’Associazione Carrozzine Determinate Abruzzo, dal momento che a Pescara, come si legge in una nota diffusa da Claudio Ferrante, presidente di tale organizzazione, «negli ultimi tre anni abbiamo assistito al dimezzamento delle ore di assistenza, alla riduzione del 50% del budget per i servizi sociali. Ora, con il provvedimento del Comune di Pescara, quasi tutti i disabili gravi avranno la sospensione o addirittura la riduzione totale dei servizi domiciliari».
Di fronte a cio, secondo Ferrante, «nessuna giustificazione può essere accettata e non solo perché la questione si conosceva da tempo, ma perché parliamo di persone con problemi fisici, psichiatrici, relazionali che hanno il massimo grado di disabilità e invalidità. È dunque necessario ripristinare immediatamente i servizi alla disabilità che il Comune di Pescara ha interrotto». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: carrozzinedeterminate@hotmail.it.

Stampa questo articolo