Tutti pazzi per “Happy Hand in Tour”

È sempre più ampia, infatti, la partecipazione della cittadinanza di tutta Italia al progetto che sta diffondendo una nuova cultura della disabilità in tanti centri commerciali del Paese, attraverso lo sport, la musica e l’espressione creativo-artistica. E anche i campioni dello sport stanno facendo pienamente la loro parte, come accadrà pure nella nuova tappa emiliana del 6 e 7 febbraio a Villanova di Castenaso, nei pressi di Bologna

"Happy Hand in Tour", Bologna, 30-31 gennaio 2016, sitting volley

Una partita di sitting volley alla tappa di Bologna del 30-31 gennaio di “Happy Hand in Tour”, al Centro Commerciale Borgo (foto di Gabriele Fiolo)

La presenza di campioni dello sport, il sostegno di squadre del grande basket e del calcio, alcuni preziosi momenti di cultura e tanta buona informazione e sensibilizzazione: diventa sempre più popolare Happy Hand in Tour, l’iniziativa che tramite lo sport e l’espressione creativo-artistica, sta tentando di trasmettere una nuova cultura sulla disabilità, durante una serie di tappe nei centri commerciali del nostro Paese, e che in queste settimane invernali sta “riscaldando” Bologna e dintorni, con una partecipazione sempre più ampia da parte della cittadinanza.
Basti pensare ad alcune delle proposte in programma il 6 e 7 febbraio al Centro Commerciale Nova di Villanova di Castenaso, nei dintorni del capoluogo emiliano. Innanzitutto la presenza di un campione che nella sua ventennale carriera ha vinto uno Scudetto, una Coppa dei Campioni, una Coppa Intercontinentale e ha ottenuto quattro promozioni in Serie A1, oltre a dare un’immagine di correttezza e lealtà sui parquet di tutta Europa. Si parla di Massimiliano “Max” Aldi, impegnato nel mondo del basket anche dopo avere appeso le scarpe al chiodo, che sarà appunto uno dei protagonisti di domenica 7, insieme ad altri campioni del basket di oggi, come Roderick “Rod” Odom e Simone Fabiani della gloriosa Virtus Bologna e a Federica Brunetti, Carlotta Gianolla e Katerina Pazzaglia, che si stanno facendo onore con la Magika Castel San Pietro nel Campionato di A2 di basket femminile. Il tutto all’interno di un’iniziativa che vedrà il Bologna Calcio e la stessa Virtus di basket mettere in palio una serie di biglietti omaggio per le partite dei loro rispettivi campionati.

I partner protagonisti di Happy Hand in Tour – vale sempre la pena ricordare – sono capeggiati da una grande società come Immobiliare Grande Distribuzione (IGD), uno dei principali player in Italia nel settore immobiliare della grande distribuzione organizzata, con quotazione in borsa, che sviluppa e gestisce centri commerciali su tutto il territorio nazionale.
Al suo fianco la FISH, la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap che raggruppa decine di Associazioni di persone con disabilità e delle loro famiglie e il CIP (Comitato Italiano Paralimpico), di cui fanno parte le tante Federazioni Italiane dello sport praticato dalle persone con disabilità. Insieme a loro anche l’Associazione WTKG (Willy the King Group) e COOP.
In realtà la Società IGD ha già avviato nelle proprie strutture un percorso rivolto all’accessibilità ed è proprio proseguendo su questa linea di lavoro che intende muoversi anche Happy Hand in Tour, puntando a presentare la disabilità in modalità positiva, sintonizzandosi con la battaglia culturale che la FISH conduce ormai da più di vent’anni, basata innanzitutto sul principio che la disabilità non è dipendenza, né malattia, ma un fatto strettamente connesso all’ambiente, alla cultura e ai pregiudizi. Nelle giuste condizioni, infatti, le persone con disabilità studiano, lavorano, praticano uno o più sport, vanno in vacanza, conducono una vita sociale, formano una propria famiglia. Senza nemmeno mai dimenticare che la disabilità non è un evento eccezionale, riguardando milioni di persone e potendo interessare chiunque nel corso della propria vita.

"Happy Hand in Tour", Catania, 30-31 gennaio

Una delle tante performance organizzate il 30 e 31 gennaio al Centro Commerciale Katané di Catania, durante la tappa siciliana di “Happy Hand in Tour”

Ma come trasmettere ai cittadini questa nuova cultura sulla disabilità? Utilizzando strumenti di grande impatto – come accennato inizialmente – quali lo sport, da una parte, l’espressione creativo-artistica, dall’altra, declinata sotto diversi aspetti, per coinvolgere ad esempio il vasto popolo dei visitatori-fruitori dei Centri Commerciali in occasioni di incontro a fianco di noti sportivi con e senza disabilità, ma anche consentendo loro di cimentarsi direttamente in discipline quali il sitting volley, il basket e il rugby in carrozzina, il tennis tavolo, le bocce, l’handbike, il tennis, la scherma, il calcio balilla, l’atletica, il calcetto, il tiro con l’arco, la scherma, la boccia, il pattinaggio, la canoa, il judo, il wheelchair hockey, il badminton, il canottaggio, il kart, il karate. Proponendo poi, su un altro versante, esibizioni musicali, rappresentazioni teatrali, mostre, laboratori creativi di fumetto, pittura, documenti in video e altro ancora.

I vari eventi, dunque, hanno felicemente preso il via nell’ottobre dello scorso anno, in Toscana e nel Lazio, proseguendo in Piemonte, nel Veneto, in Lombardia, in Campania, nelle Marche, in Sicilia e in Emilia Romagna, dove torneranno ora, come detto, per la terza settimana consecutiva, questa volta al Centro Commerciale Nova di Villanova di Castenaso (Bologna), sabato 6 e domenica 7 febbraio, per una due giorni fatta di sport, cultura, informazione e di tanto divertimento.
Tra le gradite “conferme” di ospiti che tanto successo hanno già ottenuto nelle precedenti uscite bolognesi ai Centri Commerciali Lame e Borgo, vi sarà innanzitutto quella di William “Willy” Boselli, bolognese con tetraplegia, già ben noto ai nostri Lettori e definibile come un “veterano” di questo tipo di eventi. Infatti, con la sua citata Associazione WTKG, Boselli ha dato vita a un’iniziativa splendida quale Happy Hand – Giochi senza barriere, vero e proprio festival dello sport e della solidarietà, al quale tra l’altro si ispira direttamente nel nome stesso il progetto Happy Hand in Tour, di cui non a caso WTKG è partner.
All’interno di Happy Hand Boselli – che qualche tempo fa ha raccontato la sua storia nel libro autobiografico Il Ballerino nell’albero, scritto insieme ad Alessandro Dall’Olio – promuove anche, da qualche anno, Happy Art, dimostrazione di disegno per persone con e senza disabilità, e lo farà anche domenica 7 (ore 17.30-19) al Centro Commerciale Nova.

Altre “conferme” in àmbito sportivo, con dimostrazioni di gioco nelle rispettive discipline, saranno quelle del Villanova Sitting Volley di Villanova di Castenaso (domenica 7, ore 15-17.30) e dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Maior Tennistavolo di Castelmaggiore (sabato 6 e domenica 7, ore 15-18), che metterà a disposizione un tavolo omologato per persone ipomobili e per la quale sarà presente la campionessa regionale Matache Agafia, proveniente dal pluripremiato Centro Olimpico di Costanza in Romania.

"Happy Hand in Tour", Bologna, 30-31 gennaio

“Chi riuscirà a battere il campione?” è stata l’apprezzata iniziativa di abilità a far canestro da seduti, che il 30 gennaio al Centro Commerciale Borgo di Bologna ha visto la partecipazione di Claudio Pilutti (primo a destra), già grande giocatore del basket italiano (foto di Gabriele Fiolo)

Sarà invece un “inedito assoluto” la presenza dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Zinella Scherma di San Lazzaro di Savena, con la partecipazione di Monia Bolognini, campionessa italiana paralimpica di spada, insieme agli altri atleti con disabilità Gianfranco Bompane e Stefano Fusconi, all’istruttore Stefano Formenti e alla preparatrice atletica Sara Pichierri.

Un capitolo a sé merita quindi il basket con cui abbiamo aperto questa nota. Quello di domenica 7 (ore 15.30-19.30), infatti, sarà un pomeriggio con le dimostrazioni e le prove di gioco a cura del CIP Bologna (Comitato Italiano Paralimpico), seguite dal torneo a premi denominato Chi riuscirà a battere il campione?, insieme, come detto, all’ex campione Max Aldi, ai giocatori della Virtus Bologna Odom e Fabiani e alle giocatrici Brunetti, Gianola e Pazzaglia della Magika Castel San Pietro.
Per l’occasione, ribadiamo, la stessa Virtus metterà in palio alcuni biglietti omaggio di ingresso a una delle proprie partite del Campionato di Serie A, così come – ulteriore “ciliegina” – farà il Bologna Calcio di Serie A, rendendo disponibili dieci biglietti di ingresso al derby con il Carpi del 6 marzo prossimo.

E infine un gradito ritorno a Happy Hand in Tour, dopo il grande apprezzamento ottenuto nelle tappe di Livorno, Guidonia Montecelio (Roma) e Afragola (Napoli): sabato 6 (ore 15-18) il noto disegnatore Pietro Vanessi, coautore insieme a Tullio Boi del libro Disabill Kill. Sorridere nella disabilità: dalla A alla Z, si metterà ancora una volta a disposizione di bimbi e adulti, con le sue “creazioni sul posto”.

Come ormai consuetudine, in tutti i Centri Commerciali coinvolti, verranno allestite in entrambe le giornate (ore 11-18) una serie di postazioni, con la distribuzione di materiale informativo e la proiezione di videofilmati. A curarle saranno: CIP Emilia Romagna e CIP Bologna (Comitato Italiano Paralimpico); FISH Emilia Romagna (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap); AISM Bologna (Associazione Italiana Sclerosi Multipla); ANFFAS Bologna e ANFFAS Forlì (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale); UILDM Bologna (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare); WTKG (Willy the King Group); le Associazioni Sportive Dilettantistiche Maior Tennistavolo e Zinella Scherma; l’Associazione Villanova Sitting Volley. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: emiliaromagna@fishonlus.it; presidenza@fishonlus.it; sustainability@gruppoigd.it.

Stampa questo articolo