Ferrero confermato presidente della CPD di Torino

«La situazione economica e sociale sta rapidamente cambiando e allontana in modo preoccupante i servizi pubblici dai cittadini. La nostra realtà viene quotidianamente sollecitata per essere più incisiva nella ricerca di risposte originali e innovative. Occorre dunque individuare soluzioni che tengano conto sia della situazione attuale che degli scenari futuri»: lo ha dichiarato Paolo Osiride Ferrero, fresco di conferma alla Presidenza della CPD di Torino (Consulta per le Persone in Difficoltà)

Paolo Osiride Ferrero

Paolo Osiride Ferrero è stato confermato alla Presidenza della CPD di Torino (Consulta per le Persone in Difficoltà)

«Questa conferma si presenta per me come una nuova sfida! Ne sono onorato e vivo questa nomina come la prova che il mio operato fino ad oggi è stato apprezzato da tutta la compagine. Sono lusingato della squadra che mi accompagnerà, con cui riusciremo a trovare strade risolutive per rispondere alle necessità delle persone in difficoltà».
Lo ha dichiarato Paolo Osiride Ferrero, subito dopo essere stato confermato alla Presidenza della CPD di Torino (Consulta per le Persone in Difficoltà), dall’Assemblea dei Soci che ha anche eletto Giuseppe Antonucci vicepresidente, Alberto Manzo segretario, Marcella Borsani tesoriera, Franca Appendino De Marchi, Manlio Bichiri e Gabriele Piovano consiglieri.
«La situazione economica e sociale – ha aggiunto Ferrero – sta rapidamente cambiando e allontana in modo preoccupante i servizi pubblici dai cittadini. La sanità e i servizi socio-assistenziali non riescono più a rispondere in maniera efficace al fabbisogno crescente delle persone in condizione di fragilità. Il Terzo Settore si trova, quindi, a dover colmare le lacune del Settore Pubblico. La nostra realtà viene quotidianamente sollecitata per essere più incisiva nella ricerca di risposte originali ed innovative. Occorre dunque individuare soluzioni che tengano conto della situazione attuale e degli scenari futuri». (S.G.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: uffstampa@cpdconsulta.it.

Stampa questo articolo