Più siamo, più contiamo, vicini a chi ha la sclerosi multipla

A scriverlo nel nuovo numero di «SM Italia», periodico dell’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), disponibile online, è Mario Alberto Battaglia, presidente della FISM, la Fondazione che agisce a fianco dell’AISM stessa, ed è la “parola d’ordine” per l’anno in corso, ai fini della concreta costruzione del mondo disegnato nell’“Agenda della Sclerosi Multipla 2020”, presentata lo scorso anno dall’Associazione. «Tutti – sottolinea Battaglia – devono far valere i propri diritti nelle sedi opportune, denunciare carenze, suggerire soluzioni»

Mario Alberto Battaglia, Emilia Grazia De Biasi e Roberta Amadeo

La senatrice Emilia Grazia De Biasi, presidente della Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama, tra Mario Alberto Battaglia, presidente della FISM (Fondazione Italiana Sclerosi Multipla) e Roberta Amadeo, presidente dell’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), durante la conferenza stampa di presentazione dell'”Agenda della Sclerosi Multipla 2020″, nel mese di maggio dello scorso anno

Nell’editoriale del primo numero di «SM Italia» del 2016, il periodico disponibile online dell’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), Mario Alberto Battaglia, presidente della FISM, la Fondazione che agisce a fianco della stessa AISM, lancia un appello cruciale per il futuro dell’Associazione e delle persone con sclerosi multipla: «Più siamo e più l’Associazione riesce ad essere al fianco di ogni persona con sclerosi multipla che lotta per vivere fino in fondo la vita che desidera».
In altre parole, dunque, per costruire concretamente il mondo disegnato dall’Agenda della Sclerosi Multipla 2020, lanciata dall’AISM poco meno di un anno fa, come avevamo ampiamente riferito anche su queste pagine, «bisogna essere in tanti – come scrive ancora Battaglia – , per poter contare e avere ancora più peso nel realizzare la mole di attività che ci siamo prefissi. Ciascuno di noi dev’essere un attore in questo cambiamento, conoscendo e facendo conoscere i propri diritti, andando nelle sedi opportune per ottenere ciò che è dovuto, denunciare carenze, suggerire soluzioni».

Alle consuete rubriche presenti nel periodico dell’AISM, in questo 2016 se ne sono aggiunte di nuove, una delle quali sugli aspetti psicologici della sclerosi multipla, un’altra per conoscere a fondo la terminologia della malattia e averne in tal modo meno paura, imparando a gestirla meglio.
A far da piacevole contorno, la satira del disegnatore Pietro Vanessi, già ben noto ai Lettori di «Superando.it» per il suo Disabill Kill. Sorridere nella disabilità: dalla A alla Z, libro pubblicato insieme a Tullio Boi. Qui Vanessi cerca di far riflettere “con un sorriso amaro” sui problemi della sclerosi multipla.
Infine, oltre al tradizionale, ampio panorama delle iniziative promosse dall’AISM a livello nazionale e sul territorio, continuano ad essere presenti storie in prima persona, ma anche inchieste e interviste a personaggi noti, come, nel numero uscito in questi giorni, quella al nuovo direttore di «Repubblica» Mario Calabresi. (B.E. e S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ufficio Stampa AISM (Barbara Erba), barbaraerba@gmail.com.

Stampa questo articolo