Sempre nuove esperienze per l’Orchestra AllegroModerato

E quella del 28 febbraio a Bolzano, nell’àmbito della Rassegna “Arte della Diversità”, sarà particolarmente interessante, in quanto a incrociare il proprio prestigioso percorso artistico con il gruppo nato a Milano, per rendere migliore la vita di numerose persone con fragilità psichiche, mentali e fisiche, sarà un musicista come Franco Mussida, uno dei fondatori, tra l’altro, della celebre rock band PFM (Premiata Forneria Marconi)

Franco Mussida

Il musicista Franco Mussida, che fu tra l’altro fra i fondatori della celebre rock band PFM (Premiata Forneria Marconi), incrocerà il 28 febbraio a Bolzano il proprio prestigioso percorso artistico con quello dell’Orchestra AllegroModerato, della quale si è scritto che «fa tremare i parametri della normalità»

C’è anche l’Orchestra AllegroModerato – nata a Milano per volontà dell’omonima Cooperativa, con la convinzione e l’intento di dimostrare che l’educazione musicale può attivare e sviluppare energie e competenze emotive, cognitive e relazionali, capaci di valorizzare la qualità della vita delle persone con fragilità psichiche, mentali e fisiche – nel cartellone della Stagione 2015-2016 di Arte della Diversità, rassegna promossa a Bolzano dall’Accademia Arte della Diversità-Teatro La Ribalta, in collaborazione con l’Associazione Lebenshilfe e il Comune di Bolzano.
Domenica 28 febbraio, infatti, il gruppo di cui seguiamo da tempo le attività e del quale è stato scritto che «fa tremare i parametri della normalità», sarà protagonista della serata in programma all’Auditorium Haydn (Via Dante, Bolzano, ore 20), accompagnata, per l’occasione, da una vera “leggenda” della musica contemporanea italiana, quel Franco Mussida, chitarrista, compositore e cantante, assai noto anche per essere stato uno dei fondatori della celebre rock band PFM (Premiata Forneria Marconi), con la quale ha firmato successi come Impressioni di settembre.

Come spiegano dall’Accademia Arte della Diversità-Teatro La Ribalta, Mussida – che per l’occasione proporrà anche Cammino al contrario, suo pezzo originale rielaborato proprio per AllegroModerato – «ha tra l’altro creato nel 1984 a Milano il Centro Professione Musica, divenuto ben presto la scuola di eccellenza per musicisti, cui si sono rivolti in oltre trent’anni centinaia di giovani che hanno poi trovato importanti affermazioni artistiche. È inoltre ideatore e responsabile del Progetto CO2 che, in collaborazione con la SIAE e il Ministero di Grazia e Giustizia, sta portando stazioni di ascolto musicale nelle carceri italiane. Suona quindi perfettamente naturale che abbia accettato di incrociare per una sera all’Auditorium Haydn di Bolzano il suo prestigioso percorso artistico con quello di un gruppo assai più giovane, ma assolutamente speciale, come l’Orchestra AllegroModerato».

Detto che tra le musiche in programma a Bolzano, vi saranno brani di Grieg, Dvořák, Mahler, Beethoven e Verdi, ricordiamo anche che tra il pubblico saranno presenti alcuni rappresentanti della Fondazione Alta Mane Italia il cui contributo ha reso possibile la partecipazione all’evento dell’Orchestra AllegroModerato. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: g.canepa@orchestraallegromoderato.it (Gabriella Canepa); info@teatrolaribalta.it.

Stampa questo articolo