Tempo di podismo e solidarietà

Dalla Camminata dell’Amicizia di Bosisio Parini (Lecco), con prestigiosi testimonial come i “monumenti” del ciclismo Merckx e Moser a fianco della Nostra Famiglia, passando per la tappa di Napoli della manifestazione “Walk of Life”, lanciata qualche anno fa dalla Fondazione Telethon per sostenere e dare visibilità alla ricerca sulle malattie genetiche rare, fino alle iniziative legate alla Maratona di Roma, promosse in particolare dalle Associazioni Parent Project e UICI, il prossimo fine settimana sarà tutto all’insegna del podismo e della solidarietà

Francesco Moser e Giovanni Barbesino

Francesco Moser, vero “monumento” del ciclismo italiano, qui insieme a Giovanni Barbesino, responsabile della raccolta fondi per l’Associazione La Nostra Famiglia, sarà uno dei prestigiosi testimonial, insieme anche a Eddy Merckx, della quarantatreesima “Camminata dell’Amicizia” di Bosisio Parini (Lecco)

Saranno ben tre, nel prossimo fine settimana, le manifestazioni podistiche che vedranno in primo piano la solidarietà, a partire da un evento ormai tradizionale, di cui sempre ci siamo occupati su queste pagine, ovvero la Camminata dell’Amicizia di Bosisio Parini (Lecco), tradizionale marcia non competitiva con percorsi di 7 e 12 chilometri, giunta alla sua quarantatreesima edizione, aperta a tutti e riconosciuta per i concorsi FIASP Italia (Federazione Italiana Amatori Sport per Tutti).
L’appuntamento, dunque, è per la mattinata di domenica 10 aprile (ore 9), sempre con l’organizzazione del Gruppo Amici di don Luigi Monza dell’Associazione La Nostra Famiglia, all’insegna dello slogan Facciamo sbocciare la solidarietà, per un evento che oltre a sostenere obiettivi consueti – come il lavoro dell’OVCI (Organismo Volontariato per la Cooperazione Internazionale)-La Nostra Famiglia e la partecipazione di alcuni ragazzi a un pellegrinaggio a Lourdes -, consentirà quest’anno anche di rinnovare alcuni spazi e attrezzature, allo scopo di incrementare le attività sportive e artistiche dei ragazzi che frequentano il Centro di Bosisio Parini.
Particolarmente prestigioso, poi, il gruppo dei testimonial, con veri e propri “momumenti” del ciclsmo, come il belga Eddy Merckx e Francesco Moser, mentre la madrina sarà Rossella Bertoglio, campionessa mondiale di tiro con l’arco e il tripode verrà acceso da Alessia Innocenti e Matteo Buzzetti, nuotatori della FISDIR (Federazione Italiana Disabilità Intellettiva e Relazionale).
Dopo la gara, inoltre, sarà come sempre gastronomia, divertimento, musica e attrazioni anche per i più piccoli (per informazioni: ufficio.stampa@lanostrafamiglia.it).

Sempre nel fine settimana, arriverà poi a Napoli la nuova tappa di Walk of Life, l’ormai celebre manifestazione lanciata qualche anno fa dalla Fondazione Telethon, per sostenere e dare visibilità sempre maggiore alla ricerca sulle malattie genetiche rare.
Dopo il prologo di sabato 9, con l’allestimento del Villaggio Telethon, cui parteciperanno numerose Associazioni, tra cui la UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) e l’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), domenica 10 (ore 9.30) si svolgeranno sia la corsa competitiva di 10 chilometri, che la passeggiata non competitiva di 3 chilometri e l’intero ricavato dalle iscrizioni (con relativa acquisizione dei classici zainetti di Walk of Life) andrà naturalmente alla Fondazione Telethon (per informazioni: walkoflife@telethon.it).

E da ultimo, ma non certo ultimo, anche in un grande evento come la Maratona di Roma di domenica 10 aprile, alla quale sarà affiancata la Roma Fun Run (“La Stracittadina”), con migliaia e migliaia di persone, ci sarà posto per il sostegno ad alcune organizzazioni, tra le quali Parent Project, Associazione di genitori di bambini e ragazzi con la distrofia muscolare di Duchenne e Becker, che parteciperà al RomaFun Charity Program, programma della solidarietà legato all’evento, tramite il quale ci sarà un’occasione speciale per correre e contribuire alla ricerca.
A fianco poi di Parent Project anche due nomi noti come quelli di Stefano Mei, grande campione dell’atletica leggera degli Anni Ottanta e Luisa Betty, la maratoneta nota come LadyRun (per informazioni: e.poletti@parentproject.it).

Sempre a Roma, infine, da segnalare la presenza anche quest’anno dei fisioterapisti non vedenti, provenienti dalle diverse Province del Lazio, i quali collaboreranno con i colleghi nel defaticamento degli atleti che giungeranno al traguardo. Un servizio, questo, frutto della collaborazione tra la Sezione Romana dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) e l’AIFI (Associazione Italiana dei Fisioterapisti) del Lazio.
Alla “Stracittadina”, poi, prenderà parte anche una folta squadra di persone non vedenti, accompagnate dai loro amici a quattro zampe, undici cani guida, con il supporto degli studenti di fisioterapia (per informazioni: uicroma@uiciechi.it). (S.B.)

Stampa questo articolo