Teatro vicino alle persone con sclerosi sistemica

Una delle commedie più brillanti di Oscar Wilde, “L’importanza di chiamarsi Earnest”, verrà portata in scena il 16 aprile a Milano, dalla Compagnia 73/Barrato, in una serata durante la quale il ricavato andrà tutto a favore del GILS, il Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia, impegnato da più di vent’anni a sostenere i malati e la ricerca sulla sclerosi sistemica (sclerodermia), grave patologia cronica e progressiva, che colpisce soprattutto le donne

Locandina di "L'importanza di chiamarsi Earnest", spettacolo teatrale in favore del GILS, Milano, 16 aprile 2016Una delle commedie più brillanti di Oscar Wilde, L’importanza di chiamarsi Earnest, verrà portata in scena sabato 16 aprile al Teatro San Lorenzo alle Colonne di Milano (Corso di Porta Ticinese, 45, ore 20), per la regia di Carlo Mocellin, dalla Compagnia 73/Barrato, in una serata durante la quale il ricavato andrà tutto a favore del GILS, il Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia, impegnato da più di vent’anni a sostenere i malati e la ricerca sulla sclerosi sistemica (sclerodermia), grave patologia cronica e progressiva, che colpisce soprattutto le donne.
L’origine di quest’ultima, va ricordato, non è ancora ben nota, anche se il meccanismo che la causa è certamente di tipo autoimmune, dovuto cioè a un vero e proprio “impazzimento” del sistema immunitario, che attacca i tessuti sani della persona, con conseguenze potenzialmente devastanti. Oltre alla cute, infatti, vengono colpiti organi vitali quali il cuore, i polmoni, i reni e l’intero apparato gastrointestinale. Le lesioni della pelle, quindi, sono solo l’aspetto esteriore e più evidente della gravità di una patologia che di fatto riguarda tutto l’organismo. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ufficio Stampa GILS (Martina Corbetta), mcorbetta@studiotm.org.

Stampa questo articolo