Quelle gondole accessibili a tutti

Finalmente, dopo un lungo lavoro, i risultati sono concreti: il 29 aprile, infatti, il progetto veneziano “Gondolas4All” vivrà un altro fondamentale passaggio, ovvero l’apertura ufficiale del nuovo servizio di gondole – le affascinanti barche storiche di Venezia – accessibili a tutti e anche alle persone con disabilità motòria in carrozzina. E uno dei partner, la UILDM locale (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) ha organizzato un corso per la movimentazione in gondola delle persone con diversi tipi di disabilità

Nicolò Nazzari sale nella gondola "Queen of Venice"

Il piccolo Nicolò Nazzari, testimonial da sempre del progetto “Gondolas4All”, sale sulla gondola “Queen of Venice”, in occasione del Carnevale 2016

È un progetto che abbiamo seguito sin dall’inizio con particolare simpatia, quello lanciato qualche anno fa da due gondolieri veneziani – Alessandro Della Pietà ed Enrico Greifenberg – che all’insegna dello slogan «le idee possono cambiare il mondo», l’hanno chiamato significativamente Gondolas4All, così come la ONLUS successivamente nata.
L’obiettivo, lo ricordiamo, era quello di garantire un servizio di trasporto accessibile a chiunque, e anche alle persone con disabilità motòria in carrozzina, sulle gondole, le affascinanti e uniche barche di Venezia, tramite una pedana integrata nel pontile di accesso.

Ebbene, dopo un lungo lavoro, il primo fondamentale risultato si è avuto nel marzo scorso, con l’inaugurazione ufficiale del pontile accessibile, presso la Fondamenta Cossetti di Piazzale Roma. «Ora però – dichiarano i promotori del progetto – si entra nel vivo della sfida, garantendo a chi vorrà un viaggio in gondola la competenza degli operatori nei confronti di diverse tipologie di disabilità»: venerdì 29 aprile, infatti, il nuovo importante traguardo sarà l’apertura ufficiale del nuovo servizio, alla presenza dell’Associazione Culturale Viva Piraghetto di Mestre-Venezia e del piccolo Nicolò Nazzari, testimonial da sempre di Gondolas4All.

Da segnalare infine che la UILDM di Venezia (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), altro partner dell’iniziativa, ha organizzato un corso specifico per la movimentazione delle persone con disabilità, per far sì che i gondolieri siano in grado di capire le difficoltà che potrebbero esservi nell’accogliere e far salire a bordo le persone con i vari tipi di disabilità. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@gondolas4all.com.

Stampa questo articolo