Le varie forme dell’arte che cura

Clownterapia, musica, danza, arte, pet therapy (“terapia con gli animali”): sono le cosiddette “coterapie in ospedale”, alleate sempre più preziose nei percorsi di cura, come ha ben dimostrato il progetto europeo “MUSA”, che con la Fondazione Salesi di Ancona come capofila, ha coinvolto realtà di diversi Paesi, definendo i profili professionali di quelle arti creative in àmbito sanitario e raccogliendo preziose informazioni e studi scientifici. Un progetto che vivrà il 10 maggio ad Ancona il suo momento conclusivo

Musicoterapia all'Ospedale Salesi di Ancona

Musicoterapia all’Ospedale Salesi di Ancona

Clownterapia, musica, danza, arte, pet therapy (“terapia con gli animali”), ovvero le cosiddette “coterapie in ospedale”, sono alleate sempre più preziose nei percorsi di cura e ad esse sarà dedicata il 10 maggio alla Mole Vanvitelliana di Ancona la Conferenza Internazionale patrocinata dalla Regione Marche, dalla Provincia e dal Comune di Ancona, che concluderà il progetto europeo MUSA – ove tale acronimo sta per MUSic performing and creative Arts professions involved in healthcare – ampiamente presentato dal nostro giornale al suo avvio nel 2014.
MUSA, lo ricordiamo è stato condotto in partnership da realtà che a livello internazionale hanno attuato esperienze rilevanti nei settori indicati inizialmente, provenienti da Italia, Regno Unito, Polonia, Turchia e Lettonia, con capofila la Fondazione Salesi di Ancona. Si tratta, nel dettaglio, dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona, dell’AIM (Associazione Italiana Professionisti della Musicoterapia) di Firenze, della Latvia Music Therapy Association di Liepaja (Lettonia), della Facoltà di Pedagogia e Psicologia dell’Università di Bialystok (Polonia), della Yildirim Beyazit University di Ankara (Turchia) e del College Grŵp Llandrillo-Menai di Rhos on Sea (Regno Unito).
In due anni di attività, il progetto si è occupato della definizione dei profili professionali delle arti creative in àmbito sanitario e ha consentito la raccolta di informazioni e studi scientifici prodotti ad oggi sull’efficacia terapeutica delle coterapie.
La Conferenza di Ancona, dunque, sarà un momento centrale di confronto tra esperienze e buone pratiche, per dare voce alle evidenze scientifiche, sensibilizzare sugli effetti delle coterapie e favorire lo scambio di formazione professionale e opportunità lavorative.

«Grazie a MUSA – commenta Anna Rita Duca, direttrice operativa della Fondazione Salesi – abbiamo lo stato dell’arte sull’impiego delle coterapie nei Paesi partner, un patrimonio reso fruibile grazie al portale che presenteremo durante la conferenza e nel quale si potranno consultare informazioni, ricerche ed esperienze, cogliendo opportunità professionali in un’ottica di mobilità europea».
Presidio pediatrico degli Ospedali Riuniti di Ancona, il Salesi, va ricordato, vanta una forte esperienza in questo settore, con progetti che riguardano musicoterapia, clownterapia e pet therapy. «Il progetto MUSA è emblematico – annota Michele Caporossi, direttore generale dell’Azienda Ospedali Riuniti di Ancona – perché l’influenza dell’aspetto psicologico e del contesto esistenziale nelle terapie è sempre più evidente, tanto più in àmbito pediatrico, perché in età evolutiva si ha contezza scientifica del fatto che il rapporto tra sviluppo e apprendimento determina la risposta all’insorgere della patologia. Specie riguardo la musicoterapia, emerge come nell’immaginario collettivo le coterapie siano ormai irrinunciabili nei percorsi di cura. Vogliamo dunque dare un segnale forte che nonostante la diminuzione di risorse e il fatto che le coterapie non compaiano nei Livelli Essenziali di Assistenza, la possibilità di mettere in campo questi strumenti c’è, soprattutto grazie al mondo della solidarietà e del volontariato».

Alla giornata di Ancona parteciperanno gli esperti delle realtà partner di MUSA, ma anche, tra gli altri, Caroline Simonds dell’Associazione Le Rire Medicin (Francia) e Stefania Guerra Lisi dell’Università La Sapienza di Roma, tra i maggiori conoscitori a livello internazionale rispettivamente di clownterapia e arteterapia. Sono inoltre in programma laboratori dedicati alle diverse discipline, come occasione di scambio di buone prassi e dimostrazione pratica della declinazione delle coterapie nelle differenti culture: dalle danze lettoni alla musica tradizionale turca.
Per celebrare infine la musica come elemento centrale nelle esperienze di MUSA, la Conferenza sarà preceduta nella serata di oggi, 9 maggio, al Ridotto del Teatro delle Muse di Ancona (ore 21), dal concerto Cinema & musica, colonne sonore in concerto, eseguito dal Nino Rota Ensemble. (I.T. e S.B.)

È disponibile il programma dettagliato della Conferenza di Ancona del 10 maggio. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Isabella Tombolini (Moretti Comunicazione), isabella.tombolini@alceomoretti.it.

Stampa questo articolo