Una vela senza esclusi

«Abbiamo provato un’emozione grandissima, nel veleggiare in una gara in cui non fanno testo le disabilità, ma la gioia di praticare lo sport del mare»: lo ha dichiarato Vincenzo Zoccano, persona non vedente e presidente della Consulta delle Associazioni di Persone con Disabili e delle loro Famiglie del Friuli Venezia Giulia, dopo avere fatto parte dell’equipaggio di “Azzurra 2”, durante la quarta edizione di “Una vela senza esclusi”, regata velica di Palermo cui partecipano atleti con disabilità

Palermo, "Una vela senza esclusi", maggio 2016

Un’immagine della regata di Palermo “Una vela senza esclusi”

«Abbiamo provato un’emozione grandissima, nel veleggiare in una gara in cui non fanno testo le disabilità, ma la gioia di praticare lo sport del mare. Come Consulta Regionale, organismo formalmente riconosciuto che ha voce nelle questioni normative riguardanti le problematiche delle persone con disabilità, sono fiero di portare il nome della nostra Regione in un contesto nazionale»: così Vincenzo Zoccano, presidente della Consulta delle Associazioni di Persone con Disabili e delle loro Famiglie del Friuli Venezia Giulia, oltreché componente della Direzione Nazionale dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), commenta la felice partecipazione della barca a vela Azzurra 2 alla quarta edizione della regata di Palermo cui partecipano atleti con disabilità, denominata Una vela senza esclusi, patrocinata dalla Presidenza Nazionale della Lega Navale Italiana e dal Comune di Palermo.
Il natante è arrivato da Trieste, grazie all’adesione alla manifestazione da parte della Sezione giuliana della Lega Navale, con un equipaggio composto da Sebastiano Scubini e dai due non vedenti Egidio Carantini e appunto Vincenzo Zoccano.
«Un grazie di cuore – dichiara ancora quest’ultimo – va alla disponibilità della Lega Navale di Trieste, nelle persone di Pierpaolo Scubini e Giuseppe Tisci, adoperatisi come sempre al massimo per offrire un prezioso supporto all’iniziativa».
Per la cronaca, l’equipaggio del Friuli Venezia Giulia si è piazzato al secondo posto, alla fine delle quattro prove in flotta e delle tre prove ad esclusione diretta, a bordo di imbarcazioni uguali Azzurra 600. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Roberta Vlahov (addetto stampa della Consulta delle Associazioni di Persone con Disabili e delle loro Famiglie del Friuli Venezia Giulia), vlahov.roberta@gmail.com.

Stampa questo articolo