3.000 atleti per 15 discipline sportive

18 eventi programmati in diversi weekend, dislocati in 9 Regioni, con il coinvolgimento di circa 3.000 atleti, con e senza disabilità, che arriveranno da ogni parte d’Italia e dalla Repubblica di San Marino, per misurarsi in 15 discipline sportive: sono sempre numeri molto importanti quelli di “Play the Games”, la lunga manifestazione promossa da Special Olympics Italia, il movimento dello sport praticato da persone con disabilità intellettiva

Special Olympics Italia, "Play the Games 2016", Padova, ginnastica artistica

Un atleta di Special Olympics impegnato nella ginnastica artistica, durante la tappa di Padova di “Play the Games 2016”

Anche quest’anno è già partito Play the Games, il lungo appuntamento con lo sport di Special Olympics Italia, la componente nostrana del noto movimento internazionale dello sport praticato da persone con disabilità intellettiva e anche questa volta i numeri sono davvero importanti: ben 18 eventi programmati in diversi weekend, dislocati in 9 Regioni d’Italia, con il coinvolgimento di circa 3.000 atleti, con e senza disabilità, che arriveranno da ogni parte d’Italia e dalla Repubblica di San Marino, per misurarsi in 15 discipline sportive.

Le prime tappe, tra aprile e maggio, si sono avute a Legnano (Milano), con la ginnastica ritmica e a Padova, con la ginnastica artistica, mentre è iniziato a Milano il percorso del calcio.
«Così strutturati spiegano da Special Olympics Italia – i Play the Games diventano un prezioso strumento per sensibilizzare i diversi territori, al fine di diffondere la conoscenza sulla disabilità intellettiva ed educare i più giovani alla comprensione e alla valorizzazione della diversità».

Da ricordare anche l’importanza, ai fini dell’organizzazione dell’evento, del coinvolgimento di numerosi volontari aziendali, attraverso la partecipazione attiva ad alcune delle tappe previste dei dipendenti di noti marchi (ABB, Adidas, Coca Cola, Mitsubishi Electric ed Otis), impegnati già da diversi anni nel sostegno a Special Olympics Italia, condividendone la visione dello sport come strumento di aggregazione e inclusione sociale. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: redazione@specialolympics.it.

Stampa questo articolo