Autismo: quali soluzioni, quali interventi e quali impegni?

A chiederlo ai Candidati a Sindaco di Torino, in vista delle elezioni amministrative del 5 giugno, saranno Associazioni e Cittadini del capoluogo piemontese, nel corso di una tavola rotonda aperta al pubblico e promossa dall’ANGSA (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici), per confrontarsi con la quotidianità di chi vive problemi legati all’autismo, ascoltarne i bisogni e illustrare quali soluzioni e quali impegni sarebbero disposti a mettere in campo

Giovane con autismo

Un giovane con autismo

Già le principali organizzazioni di persone con disabilità uditiva, come avevamo riferito nelle scorse settimane, si erano rivolte ai Candidati a Sindaco di Torino, in vista delle prossime elezioni amministrative del 5 giugno, per chiedere specifici impegni sui diritti delle stesse persone con disabilità uditiva e sensoriale in genere.
Un’analoga e positiva iniziativa viene ora promossa dall’ANGSA di Torino (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici), che quegli stessi Candidati a Sindaco ha invitato a confrontarsi, il 24 maggio prossimo, nel corso di una tavola rotonda aperta al pubblico, presso Piazza dei Mestieri (Via Durandi, 13, ore 18), moderato dal legale Riccardo Rossotto.

«Cosa e quanto sa la politica – si legge nella nota con cui l’ANGSA del capoluogo piemontese ha diffuso l’iniziativa – rispetto all’autismo e agli interventi di cui necessita? I politici sarebbero disposti a capire la nostra realtà? E anche quando vi fosse tale disponibilità, saprebbero come agire? Queste, e molte altre, sono domande che ci siamo più volte posti, senza mai trovare risposte concrete. Ecco perché abbiamo colto l’occasione delle prossime elezioni amministrative per fare sedere attorno a un tavolo tutti i Candidati a Sindaco di Torino. Li abbiamo invitati a confrontarsi con noi, con la nostra quotidianità, ad ascoltare ciò di cui abbiamo bisogno e a illustrarci le loro soluzioni e l’impegno che sarebbero disposti a mettere in campo».
«Welfare, Istruzione, Sanità – si legge ancora nella nota dell’Associazione torinese – sono tanti i “luoghi” in cui sono ormai indispensabili azioni precise. Ora abbiamo creato l’occasione per farglielo sapere. Ma quel giorno dovremo esserci tutti: nella politica contano i numeri, facciamo vedere quanti siamo e quanti cittadini sono con noi!». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@angsatorino.org (Alessandra Scagliola).

Stampa questo articolo