Il diritto alla Vita Indipendente in Lombardia

Il diritto delle persone con disabilità – e nello specifico di quelle della Lombardia – a “vivere eguali”, ovvero il diritto alla propria Vita Indipendente: si parlerà di questo, il 22 maggio a Como, durante un convegno promosso insieme ad altre realtà locali dal Comitato Lombardo per la Vita Indipendente delle Persone con Disabilità, cui interverranno tra gli altri Raffaello Belli, figura quanto mai autorevole in questo àmbito, e l’assessore della Regione Lombardia Giulio Gallera

Locandina del convegno del 22 maggio 2016 a ComoVivere eguali. Diritto alla Vita Indipendente delle persone con disabilità in Lombardia: questo il titolo del convegno organizzato per domenica 22 maggio a Como (Villa Olmo, Via Cantoni, 1, ore 10-13.30), dal Comitato Lombardo per la Vita Indipendente delle persone con disabilità, insieme al Comitato Segratese per la Vita Indipendente e a Comodalbasso, con il patrocinio del Comune di Como.

Insieme a Filiberto Crisci, presidente del Comitato Lombardo per la Vita Indipendente, vi interverrà innanzitutto Raffaello Belli, cofondatore di ENIL Italia (European Network on Independent Living) e di AVI Toscana (Associazione Vita Indipendente), ricercatore presso l’Istituto di Teoria e Tecniche di Informazione Giuridica (ITTIG) del CNR, nel cui àmbito è responsabile del portale internet Diritto e disabilità. Lo stesso titolo scelto per l’incontro di Como si ispira esplicitamente a una recente pubblicazione di Belli (VIVERE EGUALI. Disabili e compartecipazione al costo delle prestazioni, di cui anche il nostro giornale si è a suo tempo ampiamente occupato), che per l’occasione si soffermerà in particolare sul rapporto tra diritti umani e partecipazione alle spese dei servizi a questi legati.
Sarà poi presente Giulio Gallera, assessore regionale al Reddito di Autonomia e Inclusione Sociale, che inquadrerà la situazione lombarda dal punto di vista politico-amministrativo e illustrerà la propria visione politica riguardo al futuro dei temi di giornata.
Infine, Ivana Ferrazzoli, assistente sociale dell’ASST di Brescia (Azienda Socio Sanitaria Territoriale), da sempre partecipe alle questioni trattate durante il convegno, offrirà una panoramica dell’attuazione del diritto a “vivere eguali” in Lombardia e delle criticità da affrontare.
A moderare i lavori sarà Manuela Serrentino di «Ecoinformazioni.it».

Da segnalare infine che nel pomeriggio della stessa giornata, l’Assemblea dei Soci del Comitato Lombardo per la Vita Indipendente, utile a stabilire le prossime attività dell’organismo, potrà certamente avvalersi anche delle preziose indicazioni emerse durante la mattinata. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: vitaindiplombardia@yahoo.it.

Stampa questo articolo