Sclerosi sistemica: il presente e il futuro

Si intitolerà “Sclerosi sistemica: speranze per il presente e per il futuro”, il nuovo convegno/incontro tra medici e pazienti, promosso per il 21 maggio a Milano dall’AILS, organizzazione impegnata dal 2002 sul fronte appunto della sclerosi sistemica (o sclerodermia), malattia cronica e progressiva la cui origine non è ancora del tutto chiara, anche se il meccanismo che la causa è certamente di tipo autoimmune. Per l’occasione si darà particolare risalto alla tecnica del “Lipofilling”, approccio innovativo per la terapia delle ulcere cutanee

Fenomeno di Raynaud

Il cosiddetto “fenomeno di Raynaud”, contraddistinto dal fatto che con il freddo, le mani e/o i piedi diventano bianchi e perdono la sensibilità. ovvero quello che viene considerato come il sintomo primo della sclerosi sistemica progressiva

È in programma per sabato 21 maggio a Milano (Aula Bazzoni dell’Ospedale Gaetano Pini, Via Pini, 3, ore 9.40), un nuovo convegno/incontro tra medici e pazienti, intitolato Sclerosi sistemica: speranze per il presente e per il futuro, organizzato dall’AILS, l’Associazione Italiana Lotta alla Sclerodermia impegnata dal 2002 sulla sclerosi sistemica, grave malattia cronica e progressiva – nota appunto anche come sclerodermia – la cui origine non è ancora del tutto chiara, anche se il meccanismo che la causa è certamente di tipo autoimmune, dovuto cioè a un vero e proprio “impazzimento” del sistema immunitario, che attacca i tessuti sani della persona, con conseguenze potenzialmente devastanti. Oltre alla cute, infatti, vengono colpiti organi vitali quali il cuore, i polmoni, i reni e l’intero apparato gastrointestinale. Le lesioni della pelle sono quindi solo l’aspetto esteriore e più evidente della gravità di una patologia che di fatto riguarda tutto l’organismo.

Particolare risalto, in questa occasione, verrà dato alla metodica del Lipofilling, approccio innovativo per la cura delle ulcere cutanee, anche grazie alla testimonianza di Rita, associata dell’AILS, che testimonierà come tale intervento, messo in opera dalla Scleroderma Clinic dell’Ospedale Pini di Milano, dopo varie peregrinazioni in altre strutture sanitarie, le abbia in pratica salvato le dita delle mani dall’amputazione.

Dopo il saluto inaugurale di Ines Benedetti, presidente dell’AILS e di Luigi Sinigaglia, direttore dell’Unità Operativa Complessa Day Hospital di Reumatologia all’Ospedale Pini di Milano, interverranno Nicoletta Del Papa dello Scleroderma Clinic sempre del Pini di Milano (Panoramica sulle nuove terapie della sclerosi sistemica); Cristina Ogliari dell’Unità Operativa Complessa di Gastroenterologia del Policlinico San Donato di San Donato Milanese (Ruolo centrale dell’apparato gastroenterico nella vita del paziente sclerodermico); Emanuela Russo dell’Istituto Clinico Sant’Ambrogio di Milano (I consigli nutrizionali sono sempre ben accetti); Eleonora Zaccara dello Scleroderma Clinic dell’Ospedale Pini (La gestione medica delle ulcere); Gabriele Di Luca dell’Unità Operativa Semplice di Chirurgia Vascolare dell’Ospedale Pini (Un approccio innovativo alla terapia delle ulcere: il “Lipofilling”).
Concluderà l’incontro un’ampia e libera discussione tra medici e pazienti, prima dell’Assemblea Annuale dell’AILS. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ails@tiscali.it.

Stampa questo articolo