Il “Durante Noi” per il “Dopo di Noi”

Ovvero “Aspetti di tutela giuridica per e con le persone con disabilità”, tema sul quale sarà centrata la giornata di approfondimento proposta per il 27 maggio a Lucca dall’ANFFAS Toscana, in collaborazione con la Fondazione Dopo di Noi ANFFAS Nazionale, per informare e formare sulle varie tematiche inerenti la tutela delle persone con disabilità, in un percorso che porti alla massima autonomia possibile, insieme ai genitori, ma anche dopo

Madre, insieme al figlio disabile e a un altro figlioHa fatto discutere molto – e continua a farlo, anche su queste pagine (si veda nella colonnina a destra l’elenco dei numerosi contributi da noi proposti) – il Disegno di Legge n. 2232 (Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave, prive del sostegno familiare), meglio noto come “Disegno di Legge sul Dopo di Noi”, approvato qualche mese fa alla Camera e ora in discussione al Senato.
Sui contenuti di quel testo, come già successo in altre Regioni, ma anche su varie altre questioni connesse, l’ANFFAS Toscana (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), in collaborazione con la Fondazione Dopo di Noi ANFFAS Nazionale, ha organizzato per venerdì 27 maggio 2016 a Lucca (Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Via San Micheletto, 3, ore 10.15-17) la giornata di approfondimento denominata Durante Noi per il Dopo di Noi – Aspetti di tutela giuridica e patrimoniale per e con le persone con disabilità.

«Intendiamo affrontare – spiegano i promotori dell’incontro – le tematiche inerenti la tutela della persona con disabilità in un percorso verso la massima autonomia possibile, insieme ai genitori, ma anche dopo. In tal senso riteniamo essenziale informare e formare le famiglie, preoccupate per la sicurezza del futuro dei propri figli, in modo chiaro ed esaustivo, proponendo soluzioni attuabili che tengano conto della qualità di vita e dei desideri delle persone con disabilità».
Verranno dunque trattati argomenti quali le competenze tecnico-giuridiche legate alla figura dei tutori, curatori e degli amministratori di sostegno, le questioni legate alle eredità, i contatti con i notai, quelli con le Istituzioni e altro ancora.
La giornata è aperta a tutte le persone con disabilità e alle loro famiglie, ai giudici tutelari, ad enti, servizi e operatori, ad amministratori di sostegno, tutori e curatori, oltreché a notai e avvocati. (S.L. e S.B.)

È disponibile il programma completo dell’incontro di Lucca, che è a partecipazione gratuita, ma con richiesta di iscrizione entro il 24 maggio, scrivendo ad anffastoscana@anffasms.it (allo stesso indirizzo si possono anche chiedere ulteriori informazioni e approfondimenti).

Stampa questo articolo