L’Ospedale non fa più paura

Si chiama così l’applicazione per smartphone e tablet, ideata e sviluppata ad Ancona dalla Fondazione Ospedale Salesi, allo scopo di preparare i bambini e gli adolescenti alle cure mediche cui devono sottoporsi, in modo semplice, interattivo e giocoso, aiutandoli a vincere timori e inquietudini inevitabilmente legati alle procedure ospedaliere. La realizzazione del prezioso strumento ha coinvolto un gran numero di persone, tra medici, ricercatori, tecnici e artisti

Dettaglio dell'App "L'Ospedale non fa più paura", realizzata dalla Fondazione Ospedale Salesi di Ancona

Un dettaglio della app “L’Ospedale non fa più paura”, realizzata dalla Fondazione Ospedale Salesi di Ancona

È stata presentata nei giorni scorsi ad Ancona, presso l’Ospedale Regionale di Torrette, l’applicazione (app) denominata L’Ospedale non fa più paura, ideata e sviluppata dalla Fondazione Salesi dell’omonima struttura sanitaria del capoluogo marchigiano.
Si tratta di uno strumento che – in modo semplice, interattivo e giocoso – mira a preparare bambini e adolescenti alle cure mediche cui devono sottoporsi, per aiutarli a vincere timori e inquietudini inevitabilmente legati alle procedure ospedaliere.
«Quando si vuole parlare ai cosiddetti “nativi digitali” – ha spiegato per l’occasione Michele Caporossi, presidente della Fondazione Salesi e direttore generale dell’Azienda Ospedali Riuniti di Ancona – è impensabile non farlo con il loro linguaggio; ecco dunque spiegata l’importanza di questo strumento, che potrà essere utilizzato in tutti gli Ospedali Pediatrici italiani».
«Lo sviluppo dell’applicazione – ha ricordato dal canto suo Annarita Settimi Duca, direttore operativo della Fondazione Salesi – è durato circa sei mesi, e ha coinvolto un gran numero di persone, tra medici, ricercatori, tecnici e artisti». La app – progettata per smartphone e tablet e resa possibile grazie a una raccolta fondi sul web – è disponibile gratuitamente sugli store di Apple e Google, e funziona quindi sulla maggior parte dei dispositivi in commercio. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: comunica@alceomoretti.it.

Stampa questo articolo