La “grande bellezza” nelle storie, negli spettacoli e nei volti

«Un Festival in cui la “grande bellezza” non è stata un’evasione estetica, ma si è resa evidente nelle storie ascoltate, a volte drammatiche; negli spettacoli ammirati, frutto di tenacia e grande sacrificio; e nei volti delle persone, a volte segnati da limiti evidenti»: parole, queste, che fotografano al meglio l’essenza del “18° Festival Internazionale delle Abilità Differenti”, organizzato dalla Cooperativa Sociale Nazareno e articolatosi su vari eventi musicali e teatrali a Carpi (Modena), Correggio (Reggio Emilia), Modena e Bologna

Immagine del manifesto del "18° Festival Internazionale delle Abilità Differenti", maggio 2016

L’immagine scelta per il manifesto del “18° Festival Internazionale delle Abilità Differenti”

«In questo Festival il cuore di ciascuno di noi, unico e irripetibile, è stato colpito dalla “grande bellezza” che ha permeato gli eventi di queste settimane. Una “grande bellezza” che non è stata un’evasione estetica, ma si è resa evidente nelle storie, a volte drammatiche, che abbiamo ascoltato; negli spettacoli, frutto di tenacia e grande sacrificio da parte dei protagonisti, che abbiamo ammirato; nei volti, a volte segnati da limiti evidenti, delle persone che abbiamo incontrato».
Lo ha dichiarato Sergio Zini, presidente della Società Cooperativa Sociale Nazareno di Carpi (Modena), al termine del 18° Festival Internazionale delle Abilità Differenti, manifestazione organizzata dalla stessa Cooperativa Nazareno e articolatasi, per tutto il mese di maggio, su vari eventi musicali, teatrali (e non solo), a Carpi, Correggio (Reggio Emilia), Modena e Bologna. Il titolo scelto per quest’anno è stato Differenti perché unici e il tema quello dell’ Unicità della bellezza.
Scopo principale del Festival delle Abilità Differenti, lo ricordiamo, è quello di puntare i riflettori sulla valorizzazione della persona, partendo dall’assunto che ciascuno, al di là del limite, possa sempre puntare all’eccellenza. E in tal senso l’arte costituisce al tempo stesso il mezzo e il fine, il perseguimento e il raggiungimento di tale eccellenza. (S.G.)

Ringraziamo per la collaborazione l’Ufficio Stampa dell’AIPD (Associazione Italiana Persone Down).

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@nazareno-coopsociale.it.

Stampa questo articolo