Come prendersi cura della fragilità

Fragilità e vulnerabilità in Sanità, ma anche temi sociali e diritti di cittadini vulnerabili, come gli anziani malati non autosufficienti e le persone con gravi disabilità intellettive o disturbi dello spettro autistico: se ne parlerà il 9 giugno a Torino, durante il corso-convegno promosso dall’Ordine dei Medici Provinciale, in collaborazione con l’Associazione Erreics

Uomo in carrozzina spinto da un'assistente di curaCome prendersi cura della fragilità: sarà questo il titolo del corso-convegno che si terrà giovedì 9 giugno a Torino (Villa Raby, Corso Francia, 8, ore 8.30), a cura della Commissione Etica e Deontologia dell’Ordine dei Medici della Provincia di Torino, in collaborazione, tra gli altri, con l’Associazione Erreics – impegnata per la diffusione della cultura di parità e del principio di non discriminazione nel sistema educativo e nel mondo del lavoro –  la cui presidente Elvira Larizza sarà la responsabile scientifica dell’incontro.

Dopo i saluti delle Autorità e la Lettura Magistrale di Rossana Becarelli, direttore dell’OSGAS di Torino (Ospedale San Giovanni Antica Sede), sul tema La fragilità e la grandezza dell’uomo nella visione filosofica, la prima parte verterà su Fragilità e vulnerabilità in Sanità, con gli interventi di Ivana Garione, consigliera del Direttivo dell’Ordine dei Medici di Torino (Prendersi cura della fragilità: il ruolo del Medico di Famiglia), Carlo Romano e Mariasusetta Grosso, rispettivamente direttore e responsabile della Struttura Semplice Attività Poliambulatoriali nel Distretto 5 ASL TO2 (Il territorio nell’assistenza al paziente fragile), Roberto Moroni Grandini e Adele Calori, rispettivamente direttore e coordinatrice infermieristica dell’Hospice Cascina Brandezzata di Milano (La fragilità degli operatori).

La seconda parte del corso-convegno, invece, sarà per lo più centrata su temi sociali o riguardanti i diritti, con la partecipazione di Barbara Rosina, presidente dell’Ordine Assistenti Sociali del Piemonte (Il Servizio Sociale e la fragilità), Maria Grazia Breda, presidente della Fondazione Promozione Sociale di Torino (Promozione e tutela dei diritti delle persone anziane malate non autosufficienti e/o con gravi disabilità intellettive e/o autismo), Silvana Quadrino, psicologa e psicoterapeuta dell’Istituto Change di Torino e Monica Forno, supervisor counselor trainer counselor (Presentazione del progetto “Il telaio”), Maria Antonella Arras, coordinatrice della Commissione Etica Deontologia dell’Ordine dei Medici di Torino (Fragilità un valore fondamentale per l’uomo). (S.G.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Elvira Larizza (elviralarizza@libero.it).

Stampa questo articolo