Rock contro le Malattie Rare

«Una preziosa occasione per far conoscere la nostra realtà e ringraziare tutti coloro che ci seguono e ci sostengono da sempre, oltreché un modo per illustrare i nostri progetti per i prossimi anni»: così da UNIAMO-FIMR, la Federazione Italiana Malattie Rare, viene presentata la serata musicale dell’8 giugno a Roma, intitolata “Rock in Love” e promossa a favore della stessa UNIAMO, che avrà per protagonista la JC Band di Massimo Scaccabarozzi, cover band nata nel 2008 e impegnata in progetti di solidarietà

Locandina di "Rock in Love" per UNIAMO-FIMR, Roma, 8 giugno 2016Una serata di festa condotta dall’artista Sara Biacchi, insieme alla JC Band, la cover band di Massimo Scaccabarozzi, presidente di Farmindustria, nata nel 2008 e impegnata in progetti di solidarietà: sarà questo Rock in Love, evento in programma a Roma per mercoledì 8 giugno (Quirinetta, Via Marco Minghetti, 5, ore 20.30), in favore di UNIAMO-FIMR, la Federazione Italiana Malattie Rare.

«Sarà una preziosa occasione per fare conoscere la nostra realtà – spiegano da UNIAMO-FIMR – e per ringraziare tutti coloro che ci seguono e ci sostengono da sempre, oltreché un modo per illustrare i nostri progetti per i prossimi anni, tramite una carrellata curata dal nostro nuovo presidente Nicola Spinelli Casacchia».
La serata sarà anche l’occasione per raccogliere fondi utili a realizzare un e-book dedicato al progetto di immagine Rare Lives – Vite Rare, attuato insieme a UNIAMO-FIMR dal fotoreporter Aldo Soligno, per accompagnare il tour della mostra in Italia nella seconda metà dell’anno, un modo, questo, per raccontare la gioia e le piccole conquiste quotidiane di chi si trova a convivere con una Malattia Rara, sensibilizzando l’opinione pubblica su tale realtà.
Infine, verranno anche presentate per l’occasione le Penne UNIAMO FIMR della collezione Marlen, realizzate con il marchio della Federazione da questo prestigioso brand di gioielli da scrittura. (Se.Ba.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: serena.bartezzati@uniamo.org.

Stampa questo articolo