Accessibilità e Tecnologie

Ovvero “Il ruolo della Pubblica Amministrazione per l’inclusione digitale: l’accessibilità negli appalti pubblici”, tema dell’evento in programma per il 15 giugno a Roma, voluto innanzitutto per avviare un dibattito sul tema dell’accessibilità dei servizi e dei prodotti ICT (Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione) nel settore pubblico, alla luce del nuovo Codice Appalti, ma più in generale anche sullo sviluppo di tecnologie accessibili nella nostra società, con la partecipazione di esponenti delle Associazioni di persone con disabilità

Tastiera con un tasto che ha il simbolo della disabilità«Le nuove tecnologie assumono sempre più importanza nella vita quotidiana dei cittadini e nel rapporto tra gli stessi e la Pubblica Amministrazione. In considerazione di ciò, sempre di più i Governi dovrebbero porsi l’obiettivo di rendere fruibile l’utilizzo di tali tecnologie a tutti i cittadini, rispettando non solo i requisiti di interoperabilità e neutralità, ma anche di accessibilità alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, al fine di costruire una strategia efficace per la promozione dell’inclusione digitale dei soggetti con disabilità».
Si baserà su questi fondamentali concetti l’importante evento su Accessibilità & Tecnologie, ovvero Il ruolo della Pubblica Amministrazione per l’inclusione digitale: l’accessibilità negli appalti pubblici, promosso da Microsoft e in programma per il 15 giugno a Roma (Roma Eventi – Piazza di Spagna, Via Alibert, 5a, ore 15).
«Questo incontro – spiegano i promotori – è stato organizzato a seguito dell’adozione del nuovo Codice Appalti [Decreto Legislativo 50/16, N.d.R.] e avrà come obiettivo principale quello di avviare un dibattito, alla luce della disposizione in tema di accessibilità contenuta in quel testo e finalizzata a garantire l’accessibilità dei servizi e dei prodotti ICT [Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione, N.d.R.] nel settore pubblico, oltreché, più in generale, sullo sviluppo di tecnologie accessibili nella nostra società».

Aperto alla stampa e moderato da Toni Mira, caporedattore di «Avvenire», l’evento potrà contare sulla partecipazione di rappresentanti istituzionali (Alfredo Ferrante della Direzione Generale per l’Inclusione e le Politiche Sociali del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; Angelo Rughetti, sottosegretario al Ministero della Semplificazione e Pubblica Amministrazione; un esponente della CONSIP, la Centrale Acquisti della Pubblica Amministrazione; Antonella Galdi, vicesegretario Generale dell’ANCI, l’Associazione Nazionale Comuni Italiani), membri del Parlamento (i deputati Antonio Palmieri, responsabile per Internet e le Nuove Tecnologie di Forza Italia e Micaela Campana, responsabile per il Welfare e il Terzo Settore del Partito Democratico e la senatrice Annamaria Parente, capogruppo del Partito Democratico in Commissione Lavoro e Previdenza Sociale a Palazzo Madama), rappresentanti dell’AgID (Agenzia per l’Italia Digitale: Maria Pia Giovannini, responsabile dell’Area Pubblica Amministrazione) e dell’Ente UNINFO (il presidente Domenico Squillace), insieme ad Alex Li, Strategic Standard Analyst di Microsoft, Roberto Scano, presidente della Commissione UNINFO e-Accessibility e Bruno Lo Torto, consigliere del Centro Studi del Consiglio Nazionale Ingegneri.
E tuttavia, particolarmente significativa sarà anche la presenza di rappresentanti delle principali Associazioni di persone con disabilità e delle loro famiglie, con Vincenzo Falabella, presidente nazionale della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e Vincenzo Zoccano, componente della Direzione Nazionale dell’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), in rappresentanza della FAND (federazione tra le Associazioni Nazionali delle Persone con Disabilità), oltreché con Franco Bernardi, presidente della Fondazione ASPHI (già Avviamento e Sviluppo di Progetti per ridurre l’Handicap mediante l’Informatica, oggi Information & Communication Technology per migliorare la qualità di vita delle Persone con disabilità). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: teresa.munao@bm.com (Teresa Munaò).

Stampa questo articolo