Visioni animali per tutti

Le sculture di cinquantasette animali, realizzate da artisti italiani contemporanei, compongono la bella mostra “Visioni animali. Sculture d’Arte Contemporanea”, visitabile fino a settembre al Museo Tattile Statale Omero di Ancona, e il cui valore aggiunto è la possibilità di toccare le opere, rendendone così la fruizione accessibile anche alle persone con disabilità visiva. Il 2 e il 3 luglio saranno “giornate clou”, con un’apertura straordinaria, in corrispondenza con la “Festa dei Musei 2016”

Museo Omero di Ancona, 2016, mostra "Visioni animali"

Il valore aggiunto della mostra “Visioni animali” è la possibilità di toccare le sculture

La magia e il fascino di un grande zoo organizzato da Antonello Rubini, con cinquantasette animali di ogni specie, appartenenti ai regni della terra, delle acque e del cielo, realizzati da scultori italiani dal 1938 ad oggi, quali Bodini, de Chirico, Cucchi, Fazzini, Martini, Trubbiani e Ceccobelli, fino a Nanni Valentini e Giosetta Fioroni: consiste in questo la bella mostra denominata Visioni animali. Sculture d’Arte Contemporanea, aperta a ingresso libero fino al 4 settembre al Museo Tattile Statale Omero di Ancona, il cui prezioso valore aggiunto è la possibilità di toccare le sculture, rendendo così la fruizione accessibile anche a persone con disabilità visiva, «grazie a una voce – sottolinea Aldo Grassini, presidente del Museo Omero – che soltanto le mani sono in grado di ascoltare».

In tal senso, fino alla chiusura dell’esposizione sono previste visite guidate gratuite in tutti i fine settimana, come accadrà anche con i “giorni clou” del 2 e 3 luglio, coincidenti con un’apertura straordinaria, in occasione della prima Festa dei Musei, promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, negli stessi giorni, tra l’altro, che vedranno svolgersi a Milano la XXIV Conferenza Generale dell’ICOM, il Consiglio Internazionale dei Musei. (S.G.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: redazione@museoomero.it (Monica Bernacchia).

Stampa questo articolo