Un messaggio universale di uguaglianza e rispetto dei diritti

È quello che anima il Progetto “WOW – Wheels on Waves” (“Ruote sulle onde”), la nuova grande sfida di Andrea Stella, con il suo catamarano accessibile “Lo Spirito di Stella”, partito da Miami per arrivare nei giorni scorsi alle Nazioni Unite di New York. L’iniziativa si concluderà nel prossimo anno, portando a Papa Francesco la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, a prestigioso coronamento di un lungo percorso voluto appunto per diffondere in tutto il mondo un messaggio di uguaglianza e rispetto dei diritti

Daniela Bas e Andrea Stella, New York, luglio 2016

L’incontro di Andrea Stella a New York con Daniela Bas, che dirige la Divisione delle Politiche Sociali e dello Sviluppo delle Nazioni Unite

Dopo le giornate passate in Florida, dunque, è arrivata New York per Andrea Stella e per la sua nuova grande sfida, quel Progetto WOW – Wheels on Waves (“Ruote sulle onde”), che avevamo ampiamente presentato all’inizio di giugno, altro viaggio transoceanico da Miami a Roma, con il suo catamarano accessibile Lo Spirito di Stella, passando appunto per New York e con una serie di obiettivi e destinatari di grande spessore.

La settimana nella “Grande Mela” si è quindi conclusa, come previsto, con la visita all’ONU, dove il Team WOW – grazie all’intercessione della diplomazia Italiana e di Ilario Schettino, primo segretario di Sebastiano Cardi, rappresentante permanente dell’Italia presso le Nazioni Unite – ha potuto incontrare Daniela Bas, che dirige la Divisione delle Politiche Sociali e dello Sviluppo delle stesse Nazioni Unite.
«L’incontro – racconta Stella – è stato decisamente interessante, in particolare per le informazioni che il direttore Bas ha condiviso con il nostro gruppo e per l’invito che ha rivolto al nostro progetto. Com’è noto, l’ONU ha lanciato lo scorso anno l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, che ingloba diciassette Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals). Ebbene, la nostra squadra ha aderito ufficialmente all’iniziativa, impegnandosi a promuovere i punti maggiormente in linea con la nostra mission». In tal senso, vale la pena ricordare che anche la disabilità appare in piena luce nella citata Agenda 2030.

Durante la sua permanenza a New York, Lo Spirito di Stella è stato al centro di numerose uscite veliche, accogliendo a bordo persone con disabilità che fanno parte di varie associazioni statunitensi. Quotidianamente sono salite in barca persone diverse, con disabilità di vario tipo, trascorrendo ognuno una giornata in totale libertà e sicurezza «e dimostrando ancora una volta – come sottolinea Stella – che le barriere si possono abbattere e che il mare, nonostante la sua apparente ostilità, può essere veramente per tutti».

Il Team WOW è rientrato ora in Italia, per dedicarsi alla fase centrale della programmazione del progetto, comprendente il reclutamento e la selezione degli equipaggi che diventeranno “ambasciatori” dell’iniziativa e delo Spirito di Stella.
Wheels on Waves, ricordiamo in conclusione, terminerà il prossimo anno, portando a Papa Francesco, in Vaticano, la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, a prestigioso coronamento di un lungo percorso voluto per diffondere in tutto il mondo un messaggio di uguaglianza e rispetto. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@lospiritodistella.it (Serena Bonan).

Stampa questo articolo