L’autismo e i nuovi LEA

«Esprimiamo soddisfazione per il riferimento esplicito all’autismo nel testo definitivo del Ministero della Salute riguardante i nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), così come avevamo fortemente richiesto, e per il rinvio ai contenuti della Legge 134/15 per il trattamento dei servizi relativi a questo disturbo». Lo dichiara Davide Faraone, presidente della FIA (Fondazione Italiana Autismo), sottolineando poi che «i LEA sono un punto di partenza, uno dei primi tasselli fondamentali di un percorso che stiamo costruendo giorno dopo giorno, e non un traguardo raggiunto»

Giovane con autismo

Un giovane con autismo

«Esprimiamo soddisfazione per il riferimento esplicito all’autismo nel testo definitivo del Ministero della Salute riguardante i nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), così come avevamo fortemente richiesto, e per il rinvio ai contenuti della Legge 134/15 [“Disposizioni in materia di diagnosi, cura e abilitazione delle persone con disturbi dello spettro autistico e di assistenza alle famiglie”, N.d.R.]».
Lo dichiara in una nota Davide Faraone, presidente della FIA (Fondazione Italiana Autismo), sottolineando per altro che «i LEA sono un punto di partenza, uno dei primi tasselli fondamentali di un percorso che stiamo costruendo giorno dopo giorno, e non un traguardo raggiunto. Adesso, infatti, le Regioni dovranno adeguare i propri servizi e dovranno senza dubbio arrivare fondi dedicati a sostegno di chi opera in questo àmbito e delle famiglie di persone con autismo. Ci auguriamo, tra l’altro, che, proprio per non creare condizioni di disparità tra le Regioni, arrivino presto, da parte del Ministero della Salute, delle linee guida per rendere uniformi i servizi a livello nazionale».
«La nostra Fondazione – conclude Faraone – continuerà nel suo impegno di mediazione con il Governo, di sostegno alle famiglie e di sensibilizzazione. Il cammino è ancora lungo, ma i risultati ci sono già e molti ne verranno nei prossimi mesi». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: fiafondazioneautismo@gmail.com.

Stampa questo articolo