Alla scoperta degli… animali di Ancona

In collaborazione infatti con la Società Cooperativa Sociale OPERA, il Museo Tattile Statale Omero di Ancona propone per il 1° settembre un’iniziativa alla scoperta dei numerosi animali, e dei loro particolari significati, che decorano le facciate di edifici religiosi, civili e le piazze del capoluogo marchigiano. A concludere la giornata una visita multisensoriale alla bella mostra “Visioni Animali. Sculture d’Arte Contemporanea” il cui valore aggiunto è la possibilità di toccare le opere, rendendone così la fruizione accessibile anche alle persone con disabilità visiva

Chiesa di Santa Maria della Piazza ad Ancona

La Chiesa di Santa Maria della Piazza ad Ancona

In collaborazione con la Società Cooperativa Sociale OPERA, il Museo Tattile Statale Omero di Ancona propone per giovedì 1° settembre (ore 17.30) un’iniziativa alla scoperta dei numerosi animali, e dei loro particolari significati, che decorano le facciate di edifici religiosi, civili e le piazze del capoluogo marchigiano.
L’itinerario partirà da Palazzo del Senato, per arrivare a Palazzo degli Anziani e fino alla Chiesa di Santa Maria della Piazza attraversando Piazza Roma e Piazza Pertini.

Il percorso si concluderà poi con la visita multisensoriale alla mostra Visioni Animali. Sculture d’Arte Contemporanea, già da noi ampiamente presentata a suo tempo e che si chiuderà il 4 settembre negli spazi del Museo Omero alla Mole Vanvitelliana, sorta di “grande zoo” organizzato da Antonello Rubini, con cinquantasette animali di ogni specie, appartenenti ai regni della terra, delle acque e del cielo, realizzati da scultori italiani dal 1938 ad oggi, quali Bodini, de Chirico, Cucchi, Fazzini, Martini, Trubbiani e Ceccobelli, fino a Nanni Valentini e Giosetta Fioroni. Un’esposizione dal prezioso valore aggiunto, ovvero la possibilità di toccare le sculture, rendendo così la fruizione accessibile anche a persone con disabilità visiva. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: redazione@museoomero.it (Monica Bernacchia).

Stampa questo articolo