Napoli: non atti formali, ma risposte concrete!

«Il Comune di Napoli – dichiara Daniele Romano, presidente della FISH Campania – ha formalmente aderito alla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità sin dal 2011, e tuttavia ad oggi poco o niente è stato realizzato. Per questo, insieme a numerose altre organizzazioni impegnate per i diritti delle persone con disabilità, chiediamo un confronto con il sindaco De Magistris, ma se non lo otterremo, chiederemo il ritiro di quell’adesione alla Convenzione, perché le persone con disabilità e le loro famiglie non hanno bisogno di atti formali ma di risposte concrete!»

In primo piano ruota di carrozzina, sullo sfondo altre persone con disabilità che protestano«Discutere non solo delle emergenze, per quanto improcrastinabili, ma aprire finalmente un confronto globale sulle politiche in àmbito di disabilità dell’attuale Amministrazione Comunale di Napoli»: a questo si punta, come emerso da un incontro tra numerose organizzazioni impegnate sulla tutela dei diritti delle persone con disabilità e non autosufficienti e delle loro famiglie, che a tale scopo ritengono necessaria anche la presenza del sindaco Luigi De Magistris, all’incontro previsto per il 12 settembre prossimo con Roberta Gaeta, responsabile dell’Assessorato Comunale alle Politiche Sociali.

Come riferisce infatti Daniele Romano, presidente della FISH Campania (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), «la presenza del Sindaco può fare in modo che vengano garantiti gli impegni assunti in precedenza, a partire dai servizi innovativi rispondenti al diritto di scelta e autodeterminazione delle persone con disabilità. In tal senso, le organizzazioni partecipanti all’incontro del 5 settembre sono anche disponibili a rinviare quello del 12 con l’assessore Gaeta, a patto, però, che il Sindaco sia disponibile a un confronto diretto».
«Ricordiamo – sottolinea ancora Romano – che il Comune di Napoli ha formalmente aderito alla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, tramite la Delibera di Giunta n. 992 dell’11 ottobre 2011 e tuttavia ad oggi poco o niente è stato realizzato, e se non avremo il piacere di questo confronto con il Sindaco, gli chiederemo di ritirare quella Delibera, perché le persone con disabilità e le loro famiglie non hanno bisogno di atti formali ma di risposte concrete!».

In conclusione ricordiamo che all’incontro del 5 settembre, svoltosi presso l’AISM di Napoli (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), insieme alla stessa hanno partecipato la FISH Campania e le rappresentanze cittadine o regionali di CGIL Disabilità, AIMA (Associazione Italiana Malattia d’Alzheimer), ENIL Italia (European Network on Independent Living), Famiglie in Rete, FIADDA (Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi), LDH (Lega per i Diritti dei Portatori di Handicap) e MO.V.I. (Movimento per la Vita Indipendente). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: federhand.fishcampania@gmail.com.

Aderiscono alla FISH Campania:
° ADV Campania (Associazione Disabili Visivi)
° AIFA Campania (Associazione Italiana Famiglie ADHD)
° AIMA Campania (Associazione Italiana Malattia d’Alzheimer)
° AIPD Caserta (Associazione Italiana Persone Down)
° AISM Campania (Associazione Italiana Sclerosi Multipla)
° ANFFAS Coordinamento Regionale Campania (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale)
° Associazione Anche Noi, Eboli (Salerno)
° Associazione Di.Vo. (Disabili e Volontari), Marigliano (Napoli)
° Associazione Gli Amici di Eleonora, Napoli
° Associazione Pinocchio & Geppetto, Santa Maria Capua Vetere (Caserta)
° Associazione Umanità Nuova, Alvignano (Caserta)
° Auxilia Campania
° Centro Torre, Napoli
° CSPDM (Centro Studi Pedagogia della Mediazione), Eboli (Salerno)
° DPI Campania (Disabled Peoples’ International)
° Famiglie in Rete Napoli 4 all
° FIADDA (Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi), Afragola-Nola (Napoli)
° LHP (Lega Problemi Handicappati), Caserta
° MO.V.I. CAMPANIA Onlus-ENIL Italia (Movimento Campania per la Vita Indipendente delle persone con disabilità)
° UILDM Campania (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare)
° URCAS (Associazione Invalidi Civili Disabili e Famiglie), Torre Annunziata (Napoli)

Stampa questo articolo