Un’incerta grazia

Il film-documentario “Un’incerta grazia”, diretto da Claudio Camarca, della cui anteprima nazionale in programma a Firenze per il 14 settembre si renderà “ambasciatrice” la Fondazione Italiana di Leniterapia (FILE), porta all’attenzione del pubblico un tema difficile come quello delle cure palliative, con un riguardo speciale alla relazione che si viene a creare tra l’équipe sanitaria, il paziente e la sua famiglia, un legame particolare che inevitabilmente nasce tra le persone nelle situazioni più critiche della vita

Opera di Amanda Cassa

L’opera di Amanda Cass scelta dal FILE per lanciare su Twitter la serata di Firenze del 14 settembre, dedicata al film-documentario “Un’incerta grazia”

Nella serata di mercoledì 14 settembre al Cinema Odeon di Firenze (ore 20.15), la Fondazione Italiana di Leniterapia (FILE) si renderà “ambasciatrice” dell’anteprima nazionale di Un’incerta grazia, nuovo film-documentario prodotto da Pierfrancesco Fiorenza per Produzione Straordinaria, dedicato alle cure palliative e alle delicate situazioni di malattia terminale, il tutto alla presenza del regista Claudio Camarca.

Organizzato in collaborazione con l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, «l’evento – spiegano da FILE – porterà all’attenzione del pubblico un tema difficile come quello delle cure palliative, con un riguardo speciale alla relazione che si viene a creare tra l’équipe sanitaria, il paziente e la sua famiglia, un legame particolare che inevitabilmente nasce tra le persone nelle situazioni più critiche della vita. Tra i protagonisti del film-documentario vi è anche Piero Morino, responsabile medico all’Azienda Sanitaria di Firenze delle Unità di Cure Palliative e degli Hospice dell’Area Fiorentina, nostro socio fondatore. E tra i protagonisti vi è poi l’Hospice Ex Convento delle Oblate di Careggi, con la sua équipe di medici, infermieri, psicologi e altri professionisti del settore sanitario, con cui collaboriamo quotidianamente, attraverso i nostri operatori e volontari». (S.G.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: a.maspero@leniterapia.it (Alice Maspero).

Stampa questo articolo