Attuare i diritti, costruire pari opportunità

Sarà questo il titolo dell’incontro organizzato per il 17 settembre a Firenze, a conclusione dei lavori della quinta Conferenza Nazionale sulle Politiche della Disabilità, che avrà al centro le Osservazioni Conclusive sull’applicazione della Convenzione ONU in Italia, recentemente prodotte dal Comitato delle Nazioni Unite sui Diritti delle Persone con Disabilità, che per l’occasione sarà rappresentato da uno dei suoi membri, la spagnola Ana Peláez Narváez

Ana Peláez Narváez

La spagnola Ana Peláez Narváez, componente del Comitato ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, esporrà il 17 settembre a Firenze le Osservazioni Conclusive del Comitato stesso sull’applicazione da parte dell’Italia della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità

«I princìpi della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità costituiscono un manifesto ideale per la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), per le sue articolazioni regionali e per la rete associativa che vi si riconosce e che nella stessa FISH individua la propria voce unitaria nei confronti delle principali Istituzioni del Paese. Questo incontro, da noi organizzato in collaborazione con il FID e con le reti associative regionali, completerà la Conferenza Nazionale sulla Disabilità, offrendo l’opportunità alle persone con disabilità, alle loro organizzazioni , ai decisori politici e agli amministratori pubblici di conoscere direttamente da un autorevole membro del Comitato dell’ONU le Osservazioni Conclusive emanate dal Comitato al termine del primo Dialogo Costruttivo con l’Italia, il 24 e 25 agosto scorsi».
Così la FISH Toscana presenta il workshop intitolato Attuare i diritti, costruire le pari opportunità. Le Osservazioni Conclusive all’Italia del Comitato dell’ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, promosso per sabato 17 settembre a Firenze (Aula 2 dell’Ospedale Pediatrico Meyer, Viale Gaetano Pieraccini, 24, ore 14-18), a conclusione dei lavori della quinta Conferenza Nazionale sulle Politiche della Disabilità. All’organizzazione dell’incontro – patrocinato dalla Regione Toscana – hanno collaborato il FIDorganismo membro dell’EDF (European Disability Forum),  che rappresenta a livello europeo le istanze delle persone con disabilità in Italia, dopo l’unificazione del CND (Consiglio Nazionale sulla Disabilità) e del CID.UE (Consiglio Italiano dei Disabili per i rapporti con l’Unione Europea), a nome delle decine di organizzazioni aderenti sia alla FISH che alla FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali di Persone con Disabilità) – la FAND Toscana, DIPOI (Coordinamento Toscano delle Associazioni per il “Durante e Dopo di Noi”) e il Coordinamento Toscano delle Associazioni per la Salute Mentale.

Nelle scorse settimane il nostro giornale ha dedicato ampio spazio alla genesi e alla pubblicazione da parte del Comitato ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità – l’organismo che verifica lo stato di applicazione della Convenzione nei vari Paesi che l’hanno ratificata – delle Osservazioni Conclusive sulle quali verterà il workshop, documento che centra l’attenzione sulla mancata o insufficiente applicazione in Italia di numerosi e sostanziali articoli della Convenzione.
Oggi la traduzione italiana è disponibile (questo il link), grazie al lavoro svolto dal Comitato di Redazione del FID, i cui componenti parteciperanno anch’essi all’incontro di Firenze.

Nel dettaglio del programma, a introdurre e a coordinare del workshop – cui è stata invitata Stefania Saccardi, assessore della Regione Toscana all’Integrazione Socio-Sanitaria – sarà Vincenzo Falabella, presidente nazionale della FISH.
Interverranno poi Giampiero Griffo, rappresentante del FID in Europa (Il rapporto alternativo del FID, lacune nell’attuazione della Convenzione ONU in Italia), Ana Peláez Narváez, componente del Comitato ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità (Le Osservazioni Conclusive del Comitato dei Diritti delle Persone con Disabilità all’Italia) e Massimo Toschi, consigliere del Presidente della Regione Toscana sulle politiche della disabilità (La proposta di Testo Unico, lo strumento normativo regionale per l’attuazione della Convenzione ONU).
Seguirà un ampio dibattito con le organizzazioni di persone con disabilità e con il pubblico, introdotto e coordinato da Roberto Speziale, vicepresidente nazionale della FISH e presidente nazionale dell’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), con le risposte di Luisella Bosisio Fazzi, Giampiero Griffo e Donata Vivanti, componenti del già citato Comitato di Redazione del FID.
Le conclusioni saranno tratte da Antonio Quatraro, presidente della FAND Toscana, Patrizia Frilli, presidente di DIPOI, Gemma Del Carlo, presidente del Coordinamento Toscano delle Associazioni per la Salute mentale e da Donata Vivanti, presidente della FISH Toscana. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: toscana@fishonlus.it.

Stampa questo articolo