Turismo accessibile: il primo Forum Regionale della Sardegna

Organizzazioni pubbliche e private hanno lavorato insieme ad alcune Associazioni di volontariato e di categoria, per proporre l’8 ottobre ad Olbia “Disabilità e Turismo”, Primo Forum Regionale sul Turismo Accessibile in Sardegna, evento che, dipanandosi tra sociale ed economia, fotograferà le attuali condizioni del turismo accessibile nell’Isola, proponendo anche una serie di progetti in divenire e tenendo ben presente che turismo accessibile non vuol dire “solo” pari opportunità per le persone con esigenze speciali, ma può essere anche un volano economico di particolare rilevanza

Immagine della locandina di "Disabilità e Turismo", Olbia, 8 ottobre 2016

L’immagine scelta per illustrare la locandina del Forum di Olbia dell’8 ottobre

«Un evento che per la prima volta ha visto in Sardegna il lavoro sinergico di organizzazioni pubbliche e private su un tema che si dipana tra sociale ed economia. Il tutto per avere l’opportunità di fotografare le attuali condizioni del turismo accessibile nell’Isola e di proporre progetti per il futuro che saranno monitorati e verificati nelle prossime edizioni del Forum. Non quindi un’iniziativa fine a se stessa, ma un percorso “in progress” che guarda al futuro di una fetta di turismo isolano dalle grandi opportunità economiche e sociali».
Non si può che condividere la presentazione di Disabilità e Turismo, Primo Forum Regionale sul Turismo Accessibile in Sardegna, in programma per l’8 ottobre a Olbia (Aula Magna Robert F. Engle dell’Aeroporto Costa Smeralda, ore 9-13.30),  sia guardando alle componenti coinvolte nell’organizzazione (l’Associazione sensibilMente-Tutela ed Integrazione Persone Autistiche; Confcommercio Nord Sardegna; il Polo di Olbia dell’Università di Sassari; GEASAR-Ente Gestore dell’Aeroporto Olbia Costa Smeralda; Federalberghi; ENAC-Ente Nazionale per l’Aviazione Civile; in collaborazione con l’ABC-Associazione Bambini Cerebrolesi; Meridiana; Village for all-V4A®; Eleva System; ASPO-Trasporti Pubblici Urbani Olbia), sia la qualità dei relatori regionali e nazionali che interverranno all’incontro.

Approfondendo quindi un elemento cui i promotori dell’iniziativa intendono dare particolare rilievo, «il turismo accessibile – viene spiegato nella presentazione – non significa solo pari opportunità, ovvero dare la possibilità alle persone con disabilità di essere turisti come tutti gli altri, ma è anche volano economico di particolare rilevanza. Esso, infatti, riguarda in Italia circa il 17% delle famiglie (10 milioni di persone), cosicché curare le esigenze del turismo con necessità diverse svilupperebbe un mercato stimato in 28 miliardi di euro con un impatto sul Prodotto Interno Lordo di 12 miliardi di euro».
Come poi già accennato, al Forum di Olbia non si parlerà solo di mercato del turismo in ottica di accessibilità e fruibilità, ma anche di opportunità lavorative nel comparto turistico per le persone con disabilità, con un focus specificamente orientato sulla produttività e sull’inclusione sociale, che permetterà di accostare la visione partecipativa della disabilità al contesto sociale tramite appunto l’inserimento lavorativo.
Un approfondimento, infine, riguarderà l’accessibilità aeroportuale e quella dei trasporti pubblici urbani.

Aperta dai saluti di Francesco Morandi, assessore della Regione Sardegna al Turismo, all’Artigianato e al Commercio, di Settimo Nizzi, sindaco di Olbia e di Marco Balata, assessore al Turismo del Comune di Olbia, l’incontro – moderato da Marco Espa, presidente nazionale dell’ABC e componente della Giunta Nazionale FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) – sarà aperto da Roberto Vitali, fondatore e presidente di Village for all (V4A®), la nota rete che conferisce il marchio internazionale dell’ospitalità accessibile (Il mercato del turismo accessibile e il suo possibile sviluppo), seguito da Giacomo Del Chiappa, docente dell’Università di Sassari (Lo sviluppo del turismo accessibile in Sardegna: minacce, opportunità e azioni), da Carlo Giacobini, direttore editoriale di «Superando.it» e responsabile del Servizio HandyLex.org (Il turismo come occasione di inclusione, tra turismo e buone prassi) e da Paolo Manca, presidente di Federalberghi Sardegna (Accessibilità strutture ricettive in Sardegna e progettualità futura).
Sarà poi la volta della presentazione di una serie di progetti, da parte di Nadia Orsini dell’ENAC (I diritti delle persone con disabilità e a mobilità ridotta nel trasporto aereo. ProgettoAutismo, in viaggio attraverso l’aeroporto”), Nicola Deplano, responsabile della progettazione e manutenzione di GEASAR (Accessibilità dell’Aeroporto di Olbia per le persone con disabilità), Antonio Deiana di Deimur.it (Illustrazione App ipovedenti), Nadia Spano della Società ASPO, Veronica Asara, presidente dell’Associazione sensibilMente (Progetti di inserimento lavorativo nel comparto turistico per persone con disabilità) e Pasquale Ambrosio, imprenditore e presidente di Concommercio Olbia (Resoconto dell’ inserimento lavorativo di un ragazzo nello spettro autistico). (S.B.)

Per ogni aggiornamento sull’evento, se ne veda la relativa pagina Facebook. Perulteriori informazioni: disabilitaeturismo@gmail.com.

Stampa questo articolo